Le mete turistiche più deludenti d’Europa

da , il

    Le mete turistiche più deludenti d’Europa

    L’Europa è piena di affascinanti mete turistiche che vengono visitate in qualsiasi periodo dell’anno. Ma non sempre l’entusiasmo dei viaggiatori viene ricompensato da esperienze effettivamente interessanti. BootsnAll Travel, un famoso network di viaggi statunitense, ha stilato la classifica delle mete turistiche europee più deludenti. Il problema è legato soprattutto all’eccessivo affollamento di alcune località.

    Non si tratta delle città o dei Paesi europei meno visitati, al contrario il sito BootsnAll Travel mette in classifica luoghi normalmente molto gettonati dai viaggiatori ma che possono deludere le aspettative di chi vi si reca.

    La Monna Lisa, a Parigi

    Mona Lisa

    Era il XVI secolo quando Leonardo da Vinci dipinse l’immagine di una donna timida, che appena abbozza un sorriso. Quel dipinto, la Mona Lisa, oggi si trova nel magnifico Museo del Louvre, a Parigi ed è diventato uno dei quadri che attira il maggior numero di visitatori in Europa. A quel tempo però, Leonardo non poteva sapere le sofferenze alle quali la gente nel XXI secolo si sarebbe sottoposta pur di vedere il dipinto!

    Ogni guida turistica di Parigi che si rispetti consiglia, infatti, di effettuare una visita al Louvre, almeno per vedere la Gioconda. Molti viaggiatori decidono allora di seguire il saggio consiglio. Le conseguenze? La stanza dove è in mostra la Mona Lisa è quasi sempre affollatissima. Al punto tale da rendere difficile vedere anche una piccolissima porzione del famoso dipinto.

    Venezia e i suoi giri in gondola

    Gondola a Venezia

    Venezia romantica? Città ideale per le coppie innamorate? Tutt’altro! Secondo il sito americano, Venezia, anche in bassa stagione, sarebbe più affollata di Times Square alla vigilia di Capodanno. Ma a provocare la delusione maggiore sarebbe il famigerato giro in gondola. Circa 80 euro il prezzo per poco più di mezz’ora di dondolio tra i canali, praticamente incastrati in un via vai di altre gondole che lascia poco spazio alla privacy, figuriamoci ad eventuali dichiarazioni d’amore!

    Il Manneken Pis di Bruxelles

    Manneken Pis, Bruxelles

    Un’altra delusione sembrerebbe essere il Manneken Pis, a Bruxelles. La statua di bronzo, situata nel centro storico della capitale belga, rappresenta un bambino mentre fa la pipì in una fontana. Secondo BootsnAll Travel, serebbe sempre stato sopravvalutato mentre in realtà si tratterebbe di una semplice statuetta, ancor più piccola di come appare in fotografia.

    Saint-Tropez, lungo la Costa Azzurra

    Saint Tropez

    Saint-Tropez la città più bella della Costa Azzurra? Niente affatto, o forse solo per gli amanti dei luoghi affollati. ‘In caso contrario, sarà meglio visitare Sainte-Maxime, Cap d’Agde, la Camargue, Cassis o Sete‘. E’ questo il consiglio del portale web americano che ha stilato al classifica.

    La Sagrada Familia, a Barcellona

    Sagrada Familia, Gaudì

    La critica alla Sagrada Familia muove, invece, dal costo del biglietto per accedere all’interno della famosa chiesa progettata dall’architetto Gaudì. Undici euro che, secondo il sito americano, sarebbero sprecati, considerato anche che l’opera è ancora in costruzione.

    Forse però gli americani sottovalutano che il costo del biglietto serve proprio a sovvenionare i lavori di finitura dell’opera che in questo modo si autofinanzia ed evita di ricorrere a fondi pubblici.

    London Bridge: attenti all’equivoco!

    London Bridge

    Avete già visto il famoso London bridge? No? Non c’è problema! Anche se porta un nome accattivante, il Ponte di Londra è uno dei più banali ponti sul Tamigi che si possano immaginare. I turisti, confusi dalle canzoni che sono abituati a sentire nella loro infanzia, sono poi delusi alla vista del London Bridge.

    Molto meglio optare per il Tower Bridge o per il moderno Millennium Bridge.

    La sirenetta di Copenhagen

    Sirenetta di Copemhagen

    La Sirenetta è la statua dedicata alla famosa fiaba scritta da Hans Christian Andersen nel 1837. Inaugurata nel 1913, è diventata una delle attrattive maggiori della città di Copenaghen. Ogni turista è interessato a visitarla ed è disposto ad una lunga passeggiata attraverso il porto necessaria per raggiungere la donna di bronzo. Ma una volta giunti davanti alla sirenetta, la delusione è forte. La maggior parte dei visitatori è, infatti, sorpresa dalla piccola dimensione di quella che è diventata una delle icone della città nonché dallo scarso fascino del porto industriale circostante.

    Inoltre, chi volesse vedere la statua ora dovrà volare a Shanghai perchè da maggio a ottobre 2010, la Sirenetta sarà esposta lì per tutta la durata dell’Expo 2010.

    Dublino: un castello

    Chi ha visitato il Castello di Praga o il Castello di Edimburgo, non potrà che essere deluso dal Castello di Dublino. La delusione arriva quando ci si rende conto che la torre visibile dall’esterno è tutto ciò che rimane dell’antico castello! Il tour interno non offre, infatti, niente di interessante se non il negozio di souvenir!