NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Weekend a Parigi: cosa vedere e visitare assolutamente

Weekend a Parigi: cosa vedere e visitare assolutamente
da in Consigli di viaggio, Francia, Parigi, Viaggi in Europa, Weekend
Ultimo aggiornamento: Venerdì 12/08/2016 11:26

    Quali sono le cose da vedere assolutamente durante un weekend a Parigi? Le abbiamo selezionate per proporvi un itinerario di viaggio speciale, adatto a chi si trattiene nella Ville Lumière per pochi giorni, magari approfittando di un volo low-cost per la capitale francese. Dalla Gioconda alla Torre Eiffel, ecco cosa esplorare e ammirare tra architettura, arte e attrazioni di Parigi. Per gli amanti delle ‘cose alternative‘, qui ci sono altre idee su come esplorare la romantica e suggestiva città di Parigi.

    Cosa vedere a Parigi: Notre-Dame

    Il cuore del paese, sia geograficamente e spiritualmente, è la Cattedrale di Notre-Dame che si erge maestosa sulla Ile de la Cité. Papa Alessandro III pose la prima pietra nel 1163, e per i successivi 170 anni un esercito di artigiani faticarono per realizzare questa magnifica chiesa. Quasi distrutta durante la Rivoluzione, il capolavoro gotico è stato restaurato nel 1841-64 dall’architetto Viollet-le-Duc. E’ lunga 130 metri, con una navata a volta alta e navate laterali doppie. Contiene anche il più grande organo della Francia.

    DA NON PERDERE: il Portale della Vergine.

    Cosa vedere a Parigi: Museo del Louvre

    Uno dei più impressionanti musei del mondo, il Louvre contiene circa 35.000 opere di inestimabile valore. Costruito come una fortezza dal re Filippo Augusto nel 1190, Carlo V (1364-1380), fu il primo re a farne la sua casa. Nel 16° secolo Francesco l’ha sostituito con un palazzo in stile rinascimentale e fondato la collezione d’arte reale con 12 dipinti provenienti da Italia. I rivoluzionari hanno aperto la collezione al pubblico nel 1793. Poco dopo, Napoleone fece del Louvre, un museo.

    DA NON PERDERE: il ritratto di Monna Lisa, la Gioconda di Leonardo, probabilmente il dipinto più famoso del mondo.

    Cosa vedere a Parigi: Museo d’Orsay

    museo d'orsay

    Il Museo d’Orsay in Rue de la Légion d’Honneur 1 si trova di fronte al Louvre, in una ex-stazione ferroviaria (la Gare d’Orsay), costruita alla fine dell’Ottocento. Il progetto di ristrutturazione diede fama internazionale all’architetto italiana Gae Aulenti. E’ celebre per i numerosi capolavori dell’impressionismo e del post-impressionismo custoditi al suo interno.

    DA NON PERDERE: la collezione di tele di Vincent Van Gogh.

    Cosa vedere a Parigi: Torre Eiffel

    Il simbolo più caratteristico di Parigi è la Torre Eiffel : alta 312 metri, è stato l’edificio più alto del mondo fino a quando fu superato dall’Empire State Building di New York, nel 1931. Nonostante il suo aspetto delicato, pesa 10.100 tonnellate. Fu molto criticato quando venne messo in città nel 1889, durante l’Esposizione Universale, ma presto diventò una delle principali attrazioni di Parigi.

    DA NON PERDERE: la Torre Eiffel illuminata di notte (200.000 watt impiegati).

    Il Sacro Cuoresacre-coeur

    Il Sacro Cuore (Sacre-Coeur) veglia su Parigi dal suo punto più alto. La basilica è stata costruita come memoriale per i 58.000 soldati francesi uccisi durante la guerra franco-prussiana (1870-1871). Dopo 46 anni di lavori fu completato nel 1923. Qui i sacerdoti pregano per le anime dei defunti 24 ore al giorno. Anche se l’interno è meno impressionante rispetto a molte altre chiese della città, si gode comunque di una vista panoramica eccezionale, soprattutto al tramonto.

    DA NON PERDERE: un livello della grande cupola è circondato da vetrate dalle quali si gode una grandiosa vista su tutto l’interno.

    Cosa vedere a Parigi: Arco di Trionfo

    Il giorno migliore per visitare l’Arco di Trionfo è di 2 dicembre, data che segna la vittoria di Napoleone nella battaglia di Austerlitz nel 1805, quando il sole, seduto dietro gli Champs-Elysées e l’Arco di Trionfo, crea un alone spettacolare intorno al edificio. Oggi l’arco è un punto focale per numerosi eventi pubblici.

    DA NON PERDERE: la vista di Parigi dalla cima dell’Arc de Triomphe, prendendo l’ascensore o salendo i 284 gradini. A est si trovano gli Champs Elysees e ad ovest è la Grande Arche de La Defense.

    Centro Georges Pompidoucentro-georges-pompidou

    Oggi uno dei pezzi più famosi del mondo di architettura moderna, il Centre Pompidou ha aperto nel 1977, su progetto degli architetti Renzo Piano, Gianfranco Franchini e Richard Rogers. Il centro ospita l’eccellente Musée National d’Art Moderne (Museo d’Arte Moderna), così come un cinema, una biblioteca, negozi. Il piazzale esterno è un popolare ritrovo per turisti e gente del posto.

    DA NON PERDERE: la Fontana Stravinsky in piazza Igor Stravinsky creata da Niki de Saint Phalle e Jean Tinguely.

    Il PantheonPantheon

    Il Pantheon di Parigi si trova nel cuore del Quartiere latino (V arrondissement), in cima al colle di Sainte-Geneviève: qui riposano le spoglie delle grandi figure della nazione. È circondato dalla chiesa Saint-Étienne-du-Mont, dalla biblioteca Sainte-Geneviève, dalla Sorbona e da altri edifici monumentali. Particolarmente suggestiva è la vista da rue Soufflot, vicino ai Giardini del Lussemburgo.

    DA NON PERDERE: La sfera metallica originale con cui il fisico francese Léon Foucault realizzò nel 1851 una sua dimostrazione scientifica della rotazione della Terra.

    Sainte-Chapellesainte-chapelle-paris

    Questo capolavoro in stile gotico, costruito da Luigi IX (1214-1270) come un santuario per le sue reliquie, è considerata la più bella chiesa di Parigi. La chiesa Sainte-Chapelle fu danneggiata durante la Rivoluzione, ma restaurata a metà del 19 ° secolo.

    DA NON PERDERE: l’oratorio segreto dove Luigi XI partecipava alla Messa inosservato, guardando attraverso una piccola griglia nel muro.

    Hotel des InvalidesHotel des lnvalides

    Gli invalidi per il quale questo imponente hotel è stato costruito, sono i soldati feriti nel tardo 17° secolo. Luigi XIV aveva fatto costruire l’edificio tra il 1671 e il 1678. L’Hôtel national des Invalides è un grande complesso di edifici del classicismo barocco francese. Qui riposa Napoleone Bonaparte, il cui corpo è custodito in una cripta direttamente sotto la cupola dorata del Duomo. Altri edifici ospitano uffici militari, il Musee de l’Armee e piccoli musei militari.

    DA NON PERDERE: una visita alla tomba di Napoleone, dove il suo corpo è stato portato da Sant’Elena nel 1840, circa 19 anni dopo la sua morte.

    1285

    PIÙ POPOLARI