Terza tappa Giro d’Italia 2011: da Reggio Emilia a Rapallo

da , il

    La terza tappa del Giro d’Italia 2011 si corre lunedì 9 maggio: 173 km tra Emilia Romagna e Liguria, dalla Pianura Padana al mare. La seconda tappa si è conclusa a Parma ma è da Reggio Emilia che riprende la competizione ciclistica più famosa d’Italia (nonché molto nota anche all’estero). Questa terza tappa è una tappa pianeggiante che parte dalla Città del Tricolore (ricordiamo che il Giro d’Italia 2011 ripercorre i luoghi simbolo dell’Unità d’Italia, Italia che quest’anno festeggia i suoi primi 150 anni), attraversa le colline dell’Emilia per arrivare al mare, nella graziosa cittadina ligure di Rapallo nella Riviera di Levante.

    Reggio Emilia è una città simbolo dell’Unità d’Italia e obbligatoriamente il Giro deve passare da qui. Reggio è nota anche come Città del Tricolore perché è proprio qui che il 7 gennaio 1797 è nata la bandiera italiana e ancora oggi è possibile visitare il museo dedicato alla sua storia.

    La città, situata lungo la via Emilia, ha un bel centro storico e accoglie i visitatori con i tre celebri ponti di Calatrava, visibili all’uscita dell’autostrada.

    Quattro Castella è un paese in provincia di Reggio Emilia che prende il nome da quattro castelli, che sorgono su altrettanti colli. Le terre limitrofe sono le terre di una delle figure più influenti del Medioevo, Matilde di Canossa (1046-1115) e sono caratterizzate da un paesaggio ricco di torri, monasteri, piccoli borghi, pievi e castelli. Sono terre ricche di reperti archeologici ma altrettanto famose per l’enogastronomia. E’ qui che vengono prodotti il Lambrusco Grasparossa Colli di Scandiano e di Canossa Doc.

    Mamiano di Traversatolo in provincia di Parma (Pr) è celebre principalmente per la Fondazione Magnani Rocca il cui museo, aperto nell’aprile del 1990, vanta opere dal valore inestimabile tra le quali quelle di artisti del calibro di Goya, Manet, Renoir e Fontana, per citarne solo alcuni. La Fondazione è ospitata in una bellissima villa ottocentesca con un ampio parco in cui si possono ammirare alberi secolari provenienti da ogni parte del mondo.

    Sempre in provincia di Parma è Fornovo di Taro, situato sull’antica via Francigena e sulla strada che porta al Passo della Cisa. Il paese di Fornovo vanta origini molto antiche, probabilmente risalenti all’epoca dei Celti. La regione di Fornovo è celebre per le prelibatezze gastronomiche tra le quali spiccano i funghi, le trote di torrente e la cacciagione.

    Una curiosità: a Fornovo si trova la Rivendita numero 1, ossia la più antica tabaccheria d’Italia.

    E infine eccoci al mare, nel grazioso borgo ligure di Rapallo nel Golfo del Tigullio. Bel paesaggio e clima mite più o meno tutto l’anno: queste sono solo due delle tante attrattive che offre la cittadina ligure. In passato a Rapallo si sviluppò l’arte del merletto e ancora oggi è possibile visitare il Museo del Pizzo a tombolo e del Merletto.