Scambio di casa: andare in vacanza a costo zero

scambio casa
scambio casa

In Italia sono quasi tremila le persone che ogni anno vanno in vacanza utilizzando un metodo sempre più scelto: lo scambio di casa. Ospitare e essere ospitati: all’inizio si usa anche per risparmiare, poi diventa uno stile di viaggio che coinvolge sempre più appassionati, in giro in ogni parte del mondo.

Lo scambio di casa nasce come fenomeno spontaneo, ma dopo qualche perplessità iniziale nel tempo si è acquistato una solida categoria di sostenitori, diventando un collaudato metodo per andare in vacanza a costi minimi. Oggi ammontano a circa tremila le persone che in Italia si scambiano la casa per viaggiare.

‘E’ bello non sentirsi ospiti, ma cittadini del posto in cui si va. E poi ci sono gli aspetti pratici: dalla lavatrice alla possibilità di cucinare quel che si vuole, dalla comodità negli orari al risparmio su tutti i fronti. Per la nostra famiglia, è stata una rivelazione’, dice chi ha sperimentato lo scambio di casa.

Spesso lo scambio di casa nasce da un privato che ha a disposizione un’altra casa, magari sfitta, ma oggi sono in molti anche a mettere a disposizione la residenza di sempre: lasciare casa a un viaggiatore e contemporaneamente, o in un altro momento dell’anno, sperimentare l’abitazione del nostro ospite.

Lo scambio di casa è un fenomeno sempre più organizzato, con agenzie e portali dedicati. L’Italia si trova al terzo posto dopo Stati Uniti e Francia.

Infatti, secondo le stime effettuate nel nostro Paese sono quasi tremila le persone che ogni anno scelgono questa soluzione e nel 2010, l’Italia si è posizionata al terzo posto, un risultato che parla della flessibilità e voglia di movimento degli italiani.

Rispetto a viaggiare dormendo in hotel, la vacanza scambiandosi casa offre tempi potenzialmente più lunghi e una familiarità più profonda con il luogo, oltre a costi contenuti.

Ci si può scambiare casa per un mese o un week end ed è facile trovare disponibilità anche se si cerca di andare in vacanza con gli animali, particolare molto importante per chi ha un cucciolo.

Di solito è sufficiente pagare una quota di iscrizione alle agenzie specializzate, tra gli 80 e i 120 € all’anno, caricare sul web qualche immagine della propria dimora e scegliere la formula di scambio: ricordate che l’Italia è una tra le mete più ambite.

Non faticherete a trovare potenziali scambisti interessati a barattare casa con la vostra per una vacanza. Anche i vip mettono a disposizione le loro super ville per le vacanze, perché non farlo anche noi con le nostre umili dimore da comuni mortali?