Ryanair e Berlusconi: la pubblicità con 560 milioni di buoni motivi per scappare

da , il

    Ryanair e Berlusconi: la pubblicità con 560 milioni di buoni motivi per scappare

    La Ryanair torna a prendere in giro Silvio Berlusconi. La compagnia irlandese sembra averci preso gusto ad associare il suo brand al nome del Presidente del Consiglio, ormai diventato il miglior testimonial possibile. Ovviamente facendolo sempre in maniera simpatica e irriverente. Forse la prima campagna pubblicitaria con Berlusconi ha avuto talmente tanto successo che la Ryanair non ci ha pensato due volte a fare il bis.

    Infatti, se la prima volta era stato scelto Berlusconi come testimonial Ryanair a causa delle sue avventure amorose, questa volta il motivo è diverso: non si offrono più scappatelle in giro per l’Europa a 12 euro, ma 560 milioni di buoni motivi per scappare a 8 euro. Il numero, per chi non l’avesse capito, è un esplicito riferimento all’importo che la Fininvest deve risarcire alla Cir di De Benedetti per l’acquisto della Mondadori.

    La Ryanair ha sempre avuto un’ottima strategia comunicativa per promuovere i propri servizi: non soltanto rendendo le tariffe super economiche, beccandosi anche una maxi multa per pubblicità ingannevole, ma cercando sempre di stupire e far parlare di sé. Infatti, la notizia sta già facendo il giro del web in maniera virale, portando sicuramente gli accessi al sito della compagnia irlandese a numeri pazzeschi. Tutto grazie ad un‘idea semplice e geniale.

    D’altronde l’occasione era troppo ghiotta per non riprovarci. Silvio Berlusconi, tra la condanna di risarcimento alla Cir, l’arresto di Papa e il problema rifiuti a Napoli (a proposito, non perdetevi il bellissimo video sulla monnezza a Napoli), non sta passando un bel periodo. Anche se il premier, per scappare, di certo non va a cercare un volo low cost. Ma pur non essendo un testimonial credibile, sicuramente ci fa sorridere sotto i baffi. E nel frattempo, noi poveri diavoli, un’occhiata per scappare da questa Italietta ce la diamo veramente!