Notte tricolore a Bologna: musei aperti fino a mezzanotte

da , il

    Notte tricolore a Bologna: musei aperti fino a mezzanotte

    Anche sotto la torre degli Asinelli fervono i preparativi per la Notte tricolore. Come in altre città italiane, anche a Bologna si festeggeranno i 150 anni dell’Unità d’Italia con visite guidate nei luoghi storici e musei aperti dalle 20 alle 24, ad ingresso gratuito. L’obiettivo della manifestazione è riscoprire il patrimonio culturale bolognese sulle note della tradizione risorgimentale.

    Durante questa sorta di notte bianca, il prefetto della città di Bologna si augura di vedere tante bandiere italiane sventolare sui balconi e dalle finestre, ma anche un’ampia partecipazione popolare all’evento. D’altronde, non capita tutti i giorni di avere quasi tutti i musei cittadini aperti fino a mezzanotte e senza pagare. Ma ora andiamo a scoprire il programma più nel dettaglio.

    Il pomeriggio del 16 marzo, dalle 18.45 circa, sarà possibile vedere per il centro cittadino i cori dell’Italia Unita, da via de’ Musei a piazza de’ Celestini, fino al cortile d’onore di Palazzo D’accursio. Alle 20.30, nella cappella Farnese di Palazzo D’accursio, si terrà il concerto conclusivo, dove otto cori eseguiranno i principali brani della tradizione risorgimentale, compreso l’Inno di Mameli.

    Saranno molti i musei aperti fino a mezzanotte per festeggiare la Notte tricolore: museo Archeologico, MAMbo (museo d’arte moderna), museo Ebraico, museo Medievale, museo della Musica, museo Davia Bargellini, le collezioni comunali d’Arte, museo di palazzo Poggi, museo Morandi, museo per la memoria di Ustica, palazzo Fava, casa Saraceni, palazzo dell’Archiginnasio.

    Il giorno dopo le celebrazioni ripartiranno alle 9 del mattino con la deposizione di corone al Sacrario dei Caduti in piazza Nettuno e proseguiranno in piazza Maggiore con lo schieramento di vari reparti delle Forze Armate, delle Forze di Polizia e dei Vigili del Fuoco. Dopo l’alzabandiera e l’esecuzione dell’inno nazionale, ci sarà l’esibizione della fanfara della Brigata di Cavalleria Pozzuolo del Friuli.

    Durante tutta la giornata i musei rimarranno aperti e ci sarà anche la possibilità di partecipare a visite guidate, conferenze e incontri sul tema del Risorgimento. La festa si concluderà al teatro Manzoni con un concerto di musiche verdiane eseguite dall’orchestra e dal coro del Teatro Comunale sotto la direzione del Maestro Michele Mariotti: attenzione che l’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

    Se in tutto questo trambusto vi è venuta un po’ di fame, fate un salto al primo locale a spreco zero d’Italia: si trova proprio a Bologna, in via Petroni 9, dove potrete mangiare aperitivi e spuntini biologici a impatto zero.