Mapplethorpe in mostra a Milano: eros e trasgressione allo Spazio Forma

[galleria id=”6241″]

Robert Mapplethorpe e la sua arte trasgressiva arrivano a Milano con una mostra allo Spazio Forma, prendendo il posto delle Polaroids di Julian Schnabel. Per chi non lo conoscesse, Mapplethorpe è stato uno dei più importanti fotografi statunitensi degli anni Settanta e Ottanta, amico di personaggi come Andy Warhol e Patti Smith.

Le sue foto, oltre ai ritratti delle celebrities, erano incentrate per lo più sull’omosessualità e sulla nudità, spesso andando a sconfinare anche in tematiche sadomaso. Ma la retrospettiva milanese intende mettere l’accento anche sugli aspetti meno conosciuti della sua arte, come gli still life, gli scatti ai bambini e alla geometria della natura.

La mostra, intitolata semplicemente “Robert Mapplethorpe”, si tiene dal 2 dicembre 2011 al 9 aprile 2012 e ripercorre l’intera carriera dell’artista, dalle prime polaroids fino alla morte, avvenuta nel 1989 a causa dell’AIDS.

Le sue opere sono state spesso accostate ai capolavori di Michelangelo, che Mapplethorpe guardava con ammirazione insieme a tutti i modelli rinascimentali, dal Pontormo al Giambologna. E fu lo stesso artista a dire che: “Se fossi nato cento o duecento anni fa, avrei potuto fare lo scultore, ma la fotografia è un mezzo molto veloce per vedere e per fare scultura“.

La sua ricerca artistica era rivolta alla perfezione formale e alla creazione di opere al tempo stesso classiche e contemporanee. I suoi scatti rappresentano figure per lo più maschili, dotate di una forte fisicità, ma soprattutto velate di eros e trasgressione allo stato puro. Mapplethorpe, gay dichiarato, si muoveva nella controcultura newyorkese, in un clima di completa libertà, dove l’omosessualità acquisiva sempre di più la propria coscienza.

I suoi lavori furono spesso accusati di pornografia. In particolare, la serie “Portfolio X” fece scandalo in tutto il mondo per i suoi contenuti, compreso l’autoritratto di spalle con una frusta inserita nell’ano. Ma Mapplethorpe è ricordato anche per le copertine di album storici, come Horses di Patti Smith e Marquee Moon dei Television, per i ritratti di Andy Warhol e della stessa Patti Smith, che fu sua compagna per il periodo in cui vissero insieme nel Chelsea Hotel, e per i nudi femminili della culturista Lisa Lyon.

Se poi volete sapere cosa succedeva dall’altra parte dell’oceano più o meno nello stesso periodo, vi consigliamo la mostra Da Bacon ai Beatles, che ritrae la swinging London degli anni Sessanta, divisa tra rock e sperimentazione artistica.

 
Orari
 

  • Da martedì a domenica: dalle 10 alle 20
  • Giovedì e venerdì: fino alle 22
  • Lunedì chiuso

Biglietti
 

  • Intero: 7,50 euro
  • Ridotto: 6 euro
  • Scuole: 4 euro

Per ulteriori informazioni potete telefonare allo 02/58118067 o consultare il sito dello Spazio Forma.