Australia: cosa vedere assolutamente da Sydney ad Ayers Rock

da , il

    L’Australia è un paese tutto da scoprire: ma cosa vedere assolutamente in questo stato così grande e sterminato da formare, insieme a migliaia di isole minori, addirittura un continente? Sicuramente un viaggio in Australia, per la sua lontananza e per la sua vastità, richiede dalle tre alle quattro settimane di permanenza, e possibilmente anche di più: è infatti improbabile che, pur stando via per un mese, si riescano a vedere tutte le meraviglie che questo magico stato ha da offrire, ma il nostro aiuto sta proprio in questo: ecco le mete irrinunciabili da visitare durante la vostra permanenza in Australia, che ovviamente si dividono tra le grandi metropoli e gli sterminati ed affascinanti spazi naturali che il paese ci regala. Vi troverete così a viaggiare tra la splendida Sydney e Ayers Rock, tra la capitale Canberra e le meraviglie della Grande Barriera Corallina, tra la Great Ocean Road e i maestosi Dodici Apostoli: siete pronti a partire?

    Parlando di grandi città, cominciamo ovviamente da Sydney che, pur non essendo la capitale australiana, è la città principale del paese dal punto di vista turistico, culturale ed economico, nonché l’insediamento più antico di tutta l’isola: irrinunciabile una visita alla celeberrima Opera House, alla Sydney Tower, che regala una vista mozzafiato su tutta la città, alla zona del Darling Harbour, dove si trova anche il gigantesco acquario di Sydney, al Parco Olimpico inaugurato in occasione delle Olimpiadi del 2000 e ad Hyde Park, il parco cittadino più antico del paese. Sempre parlando di metropoli, poco più a sud di Sydney troviamo Canberra, una giovane e vivace città creata all’inizio del XX secolo per diventare la capitale del neonato stato australiano: la città più grande e popolosa dell’entroterra è anche la più importante dal punto di vista politico, con l’avveniristico Palazzo del Parlamento; qui si possono inoltre fare escursioni sul lago Burley Griffin o nella Riserva Naturale di Tidbinbilla, che in un suggestivo paesaggi naturale fatto di montagne ricoperte da prati e foreste offre l’occasione di ammirare canguri, emù, koala e numerose specie di uccelli.

    Gli animali australiani rappresentano senz’altro un’attrattiva fondamentale del paese, poichè più dell’80% delle specie presenti sull’isola è endemico e non si trova in nessun’altra parte del pianeta; tra i numerosi parchi naturali australiani, tra cui il meraviglioso Kakadu National Park, il Cleland Wildlife Park, il Blue Mountains National Park e l’Healesville Sanctuary, solo per citarne alcuni, avrete il piacere di ammirare animali unici come i già citati canguri, koala ed emù, ma anche l’ornitorinco, il wallaby, il vombato, il diavolo della Tasmania e il dingo. Continuiamo a parlare di animali ma spostiamoci sott’acqua, perchè la Grande Barriera Corallina è senza ombra di dubbio una delle mete più importanti di tutta l’isola: si tratta infatti della barriera corallina più grande del mondo, che è composta da oltre 2.900 barriere coralline singole e 900 isole che si estendono per ben 2.600 chilometri lungo la costa del Queensland. In questo ambiente naturale unico al mondo, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, vivono 4.000 delle 22.000 specie di pesci del mondo in una ricchissima biodiversità protetta dal Parco Marino della Grande Barriera Corallina, dove ammirare coloratissimi e scintillanti coralli e pesci di ogni colore, forma e dimensione, tuffandosi a fare snorkeling nelle cristalline acque dell’oceano. Tutte le bellezze naturali dell’Australia, unite all’alta qualità della vita e al benessere economico di cui gode la nazione, ne hanno fatto per tre anni consecutivi lo stato in cui si vive meglio al mondo secondo la Organization for Economic Cooperation and Development, che grazie a vari parametri tra cui educazione, salute, tasso di occupazione e reddito stabilisce qual è la nazione più felice del mondo.

    Un modo per vivere l’Australia on the road è senz’altro un viaggio lungo la Great Ocean Road, la strada panoramica più spettacolare e famosa del paese: questa esperienza vi permetterà di ammirare meravigliosi quanto diversi paesaggi nei 243 chilometri che vanno da Torquay ad Allansford, nello stato di Victoria. Potrete vedere spiagge incontaminate battute dal vento che sono il paradiso degli amanti del surf, assaggiare i prodotti enogastronomici nei pittoreschi paesini che si trovano sulla costa, fare esperienza diretta della vivace cultura aborigena presente in questa zona, ed entrare in contatto con la natura selvaggia dei numerosi parchi nazionali presenti sulla costa, tra cui il Great Otway National Park con le sue suggestive cascate, e i suggestivi faraglioni chiamati “I Dodici Apostoli”, che si ergono maestosi al largo della costa del Mare Antartico. Ultimo ma non per importanza, tra le mete imperdibili da visitare in Australia troviamo Ayers Rock, Uluru nella lingua degli aborigeni Anangu che popolano la zona: si tratta di un immenso monolite in mezzo al deserto che assume i colori del caldo arancione e del rosso fuoco in base alla luce e al momento della giornata. Questo luogo sacro agli aborigeni un tempo veniva scalato da coraggiosi turisti fino in cima per i suoi 348 metri di altezza, ma per fortuna ultimamente si sta cercando si rispettare di più la volontà della popolazione locale, che preferisce non si salga sul monolite proprio per la sua sacralità; ai suoi piedi in compenso si possono ammirare innumerevoli grotte ricche di pitture rupestri. Se tutte le bellezze naturali e architettoniche e il benessere di cui il paese gode vi hanno fatto venire voglia di mollare tutto e trasferirvi dall’altra parte del mondo, ecco alcuni consigli e dritte per chi vuole cambiare vita ed andare a vivere in Australia tra visti, permessi di soggiorno e opportunità di studio e lavoro.