Animali australiani: da quelli pericolosi ai marsupiali, viaggio nella terra dei canguri

da , il

    Gli animali australiani sono tra i più strabilianti della terra: tra quelli più pericolosi e i mammiferi autoctoni che tutti conosciamo, come i koala e i canguri, faremo un viaggio alla scoperta di meravigliose ed uniche specie che popolano questa terra in gran parte selvaggia ed incontaminata. Basti sapere che più dell’ 80% delle specie vegetali ed animali abitanti l’isola è autoctono e non si trova in nessun’altra parte del pianeta: tra più di 378 specie di mammiferi e 50 di mammiferi marini, 4000 specie di pesci, 828 specie di uccelli e 140 specie di serpenti, la fauna australiana riserva moltissime sorprese ai visitatori, che rimangono piacevolmente sorpresi e meravigliati dal mondo animale che popola la natura incontaminata e i parchi nazionali. Tra questi i più suggestivi sono il Cleland Wildlife Park nell’Australia meridionale, il Rainforest Habitat a Port Douglas e l’Healesville Sanctuary nello stato di Victoria.

    Tra gli animali australiani più pericolosi troviamo sicuramente i rettili, e senza contare i coccodrilli d’acqua dolce e salata, a far venire i brividi sono sufficienti i serpenti: in Australia vivono 21 delle 25 specie di serpenti più letali del mondo, e oltre a quelli velenosi ci sono anche enormi pitoni e serpenti degli alberi. Oltre ad essi, l’isola è famosa per la presenza di ragni molto pericolosi, ma state tranquilli: nelle città è quasi impossibile incontrarli, e anche nel caso in cui ne trovaste uno questo scapperebbe, o vi morderebbe solo se molestato. Per il resto, molti altri animali australiani hanno la fama di essere pericolosi e velenosi: a parte i ben noti squali che popolano l’Oceano Pacifico, anche molti altri pesci e meduse sono velenosi, e tornando sulla terraferma anche un mammifero come l’ornitorinco può essere pericoloso.

    E proprio parlando dell’ornitorinco entriamo nel magico mondo degli animali autoctoni: questo timido mammifero ricoperto di pelliccia, dal caratteristico becco d’anatra e i piedi palmati, fa parte dei monotremi, ovvero dei mammiferi che depongono le uova, e vive in tane scavate sulle rive dei fiumi. Per vederlo bisogna recarsi nella Tidbinbilla Nature Reserve, vicino a Canberra, e questa può essere anche un’ottima occasione per visitare la città: la giovane capitale ha moltissime sorprese architettoniche e culturali in serbo per i suoi visitatori. Altri luoghi ideali per avvistare gli ornitorinchi sono il St Clair National Park in Tasmania e le rive del Lake Elizabeth, nel Great Otway National Park nello stato di Victoria.

    Come abbiamo detto, anche i canguri e i koala sono animali che si trovano solo in Australia, ed insieme a wallaby e vombati fanno parte della grande famiglia dei marsupiali, all’interno della quale troviamo 55 diverse specie di canguri e wallaby, generalmente più piccoli dei primi. I canguri si possono vedere in molte aree dell’isola, a cominciare dalle zone rurali australiane, ma si possono ammirare da vicino anche nel Namadgi National Park e nel Kosciuszko National Park, sulle Alpi Australiane; i wallaby si possono invece osservare, oltre che nelle zone più remote e rocciose del paese, anche nel Freycinet National Park in Tasmania. Per quanto riguarda i teneri koala, essi abitano la costa orientale temperata dell’Australia, ma si possono trovare anche nella già citata Tidbinbilla Nature Reserve. Il vombato infine, è un animale scavatore difficile da vedere: due luoghi ideali per avvistarlo sono il Blue Mountains National Park e il Wilsons Promontory nello stato di Victoria.

    Non dobbiamo dimenticare il famoso diavolo della Tasmania, visibile in libertà solo in questa regione, e il dingo, o cane selvatico, che è il mammifero carnivoro più grande dell’isola. Le diverse specie di lucertole invece, tra cui le spettacolari lucertole dal collare, includono anche i draghi, come il drago barbuto e il drago di Gilberts o lucertola del Ta-Ta. Anche gli uccelli sono molto caratteristici: delle 828 specie circa la metà sono autoctone, come il gigantesco emù, che arriva ai 2 metri di altezza e non può volare. Infine, non dimentichiamo la Grande Barriera Corallina australiana, in cui vivono 4000 dei 22000 tipi di pesci di tutto il mondo; più al largo invece si possono avvistare balene, delfini, orche e diverse specie di squali non sempre pericolosi, come il docile squalo balena.