5 esperienze che fermano il tempo

da , il

    5 esperienze che fermano il tempo

    Avete mai fatto esperienze che fermano il tempo? Cioè viaggi in luoghi così carichi di storia e ben conservati da farvi fare un tuffo nel passato, come se i secoli non fossero mai passati e il ciclo della storia potesse essere bloccato all’infinito?

    Oppure siti naturalistici dove quello che vedete davanti agli occhi potrebbe essere lo stesso paesaggio che vedevano i nostri avi?

    E’ una sensazione cuò capitare anche in luoghi molto affollati, come per esempio sull’Acropoli di Atene di fronte al Partenone: perchè l’abbiamo studiato a scuola fin da quando eravamo piccoli e quindi viene naturale immaginarsi come poteva essere la vita ai tempi di Pericle.

    Vediamo insieme 5 esperienze che fermano il tempo, senza bisogno di cercare a tutti i costi i luoghi dove scollegarsi dal mondo e dimenticarsi di cellulare e tablet: vi basterà guardarvi intorno.

    Fare un viaggio in Birmania

    La Birmania, o meglio il Myanmar, è uno stato del Sud est asiatico gobernato da anni da una dittatura militare: è la patria del premio nobel per la pace Aung San Suu Kyi, che è riuscita a ritirare il premio solo quest’anno dopo aver passato buona parte della vita agli arresti domiciliari. Il Myanmar si sta aprendo al turismo ma, essendo stato isolato per anni, ha conservato intatto lo stile di vita di 50 anni fa: fare un viaggio qui è un’esperienza totalizzante perchè non solo la gente è molto cordiale e ospitale coi turisti, ma i luoghi sono meravigliosi. Come per esempio Bagan, sede di templi spettacolari e antica capitale del regno.

    Navigare lungo il Rio delle Amazzoni

    Avete presente cosa singifica navigare su uno dei fiumi più lunghi del mondo, seguendone i ritmi lenti, passando in mezzo alla foresta amazzonica? Potete farlo, navigando sul Rio delle Amazzoni tra Manaus e Belem, su una delle tipiche imbarcazioni fluviali denominate ‘gaiola’ oppure, se avete una buona disponibilità economica, optare per una crociera. Il Rio delle Amazzoni vi trascinerà con sè in luoghi rimasti come erano all’epoca.

    Partire per il Mali

    Il Mali non è in cima alle destinazioni più turistiche, ma nasconde tesori archeologici incredibili: oltre alla leggendaria Timbuctù, provate a fare una visita alla Moschea di Djennè, che sorge su un’isola in mezzo al fiume Bani. E’ interamente costruita con fango e travi di legno e, anche se non sembra, in realtà è molto recente: risale al 1907, ma ha un fascino senza tempo.

    Meditare in Bhutan

    Il Bhutan è uno di quei posti che la maggior parte di noi farebbe fatica a individuare su una cartina: si trova tra il Nepal e l’India ed è un posto perfetto per dimenticarsi dello scorrere del tempo. Il viaggio piacerà sicuramente agli amanti del trekking visto che il Bhutan si trova proprio nella catena himalayana. Il suo antico nome era ‘Lho Mon‘, ovvero ‘terra meridionale delle tenebre’, ma anche ‘Lho Tsendenjong’, cioè ‘terra meridionale del cipresso’.

    La foresta pluviale più antica del mondo

    La Malesia, terra di per sè già splendida, ospita la foresta pluviale più antica del mondo: una signora che ha la veneranda età di 130 milioni di anni. Cioè un posto dove davvero il tempo si è fermato. Al suo interno vivono ancora rinoceronti, elefanti, tigri, oranghi, tapiri e leopardi. Qui è possibile fare trekking seguendo le regole dell’ecoturismo, quindi facendo attenzione a impattare il meno possibile sull’ecosistema della foresta pluviale.