Weekend a Praga: cosa vedere nella capitale ceca

da , il

    Se state programmando un weekend a Praga, ecco cosa vedere nella splendida capitale della Repubblica Ceca, che particolarmente in inverno dà il meglio di sé grazie alla neve e, nel periodo festivo, ai mercatini di Natale: questa fiabesca città, quando è coperta da un freddo e candido manto, diventa ancora più magica e misteriosa e regala atmosfere uniche e difficili da ritrovare in altre città europee. Oltre alle sue bellezze, Praga ha anche il pregio di essere una meta low cost e di essere una capitale relativamente piccola, quindi in un weekend si ha tutto il tempo per visitare le sue attrattive principali; arrivando in città il venerdì sera o il sabato mattina avrete a disposizione quasi due giorni pieni per vederla e scoprire i suoi monumenti.

    La Città Vecchia

    La maggior parte degli edifici, dei monumenti e dei luoghi di interesse di Praga infatti si trova vicino al centro storico ed è raggiungibile agevolmente a piedi: camminare per le strade della città è un ottimo modo per scoprirla e viverla, ma per risparmiare un po’ di tempo potete alternare le passeggiate all’uso dei mezzi pubblici, come la metropolitana. Il primo giorno immergetevi nella città vecchia (in ceco Staré Město) alla scoperta della Piazza della Città Vecchia, dove visitare il gotico Palazzo del Municipio ed il meraviglioso Orologio Astronomico, il simbolo di Praga, che allo scoccare di ogni ora prende vita grazie a delle splendide statue danzanti. Dalla Piazza della Città Vecchia si può raggiungere a piedi la Piazza San Venceslao: qui svetta la statua del santo a cavallo e questa piazza è il centro della vita notturna cittadina ed è ricca di negozi, caffetterie e birrerie; la Strada Venceslao, che conduce alla piazza, è un imponente viale lungo 750 metri e largo 60 che fu realizzato sotto il regno di Carlo V e può ospitare fino a 400.000 persone.

    Josefov

    Dal centro cittadino è facilmente raggiungibile anche il quartiere ebraico di Josefov, che in passato fu uno dei ghetti ebraici più grandi d’Europa: qui si trovano non solo diverse sinagoghe importanti come la Maislova Synagoga e la Sinagoga Spagnola, ma anche il Vecchio Cimitero Ebraico di Praga, che per la sua atmosfera misteriosa e sospesa nel tempo è uno dei luoghi più affascinanti della città. La storia di questo monumento così intriso di significato inizia con la sua fondazione nel 1439: il cimitero è stato per secoli l’unico luogo in cui gli ebrei potevano seppellire i loro defunti e, siccome non lo potevano espandere, gli abitanti hanno sopperito alla mancanza di spazio con tombe sovrapposte. Si possono così trovare fino a 9 strati di sepoltura sovrapposti ed una densità di lapidi che, unite al silenzio e alla scarsa illuminazione, creano un’atmosfera inquietante e spettrale.

    Il Ponte Carlo

    Insieme all’Orologio Astronomico, il Ponte Carlo è un altro importante simbolo di Praga: si tratta di un ponte di pietra costruito sul fiume Moldava nel XIV secolo per volere del re di Boemia Carlo IV. Questo ponte dal fascino medievale è uno dei ponti più belli d’Europa ed è sempre affollato di turisti, praghesi e artisti di strada che lo rendono ancora più pittoresco; percorrerlo nella luce del tramonto o sotto la neve vi regalerà emozioni intense grazie al panorama suggestivo che regala. Dopo aver percorso il Ponte Carlo potrete concludere la vostra prima giornata in una tipica birreria di Praga: in città ce ne sono moltissime e tutte vendono ottima birra artigianale; questo può essere un modo diverso di vivere la città e di etrare anche più in contatto con i suoi abitanti, per i quali una birra con gli amici dopo il lavoro è un rituale irrinunciabile.

    Il Castello di Hradčany

    Oltre il Ponte Carlo si trova il quartiere di Malá Strana, la Città Piccola, adiacente al borgo di Hradčany; dopo aver fatto una passeggiata per le viuzze è irrinunciabile una visita al maestoso Castello di Praga, che si estende su una superficie di ben 70.000 metri quadrati. Dalle dimensioni è intuibile che per visitarlo ci vuole una buona mezza giornata, anche perchè al suo interno si trovano alcuni dei monumenti più celebri di Praga: tra essi ricordiamo la splendida Cattedrale di San Vito con la tomba imperiale e la Porta d’Oro, il Palazzo Reale, che è stato residenza dei regnanti di Boemia dalla fondazione del Castello (avvenuta nel IX secolo), la Pinacoteca del Castello, la Basilica di San Giorgio e il Vicolo d’Oro (Zlata Ulicka). Questa stradina è davvero imperdibile per le sue casette basse e colorate e le innumerevoli leggende ad essa legate: le più famose vogliono che in passato il vicolo fosse abitato non da orafi e artigiani ma da alchimisti impegnati nella ricerca di formule magiche per trovare l’elisir di lunga vita o per trasformare tutti i metalli in oro.