Viaggi da fare da soli: le mete ideali in giro per il mondo

da , il

    Chi ama viaggiare lo sa, l’importante non è raggiungere la meta, ma vivere a pieno l’intero percorso, tuttavia non possiamo negare che è anche gratificante scegliere il posto in cui andare. E se avete deciso di viaggiare senza compagnia, potrete farvi guidare liberamente dai vostri sogni. Ma quali sono i viaggi da fare da soli? Quali luoghi guadagnano punti se visti in solitaria? In realtà esistono destinazioni evergreen, come Berlino, città che lascia il segno ogni volta che la si visita, da soli o in compagnia, mete selvagge come la Cambogia, luoghi sperduti dal fascino infinito come Sintra a due passi da Lisbona e destinazioni come Rothenburg in Baviera, che in un batter di ciglia catapultano nel passato, nel cuore del Medioevo. La scelta finale dipende soltanto da voi.

    Rothenburg, Baviera

    Lungo la strada romantica che attraversa la Germania, nel cuore della Baviera si trova un piccolo borgo antico chiamato Rothenburg, un autentico gioello medievale. La città risale al x secolo, quando sorse il Castello di Rothenburg. Attualmente vanta un’eccellente offerta di alberghi, hotel e ristoranti, tuttavia questo non ha stravolto il suo aspetto originario e passeggiare per le sue vie è come fare un salto a piè pari nel passato. La strada principale di Rothenburg, la Herngasse (Via dei Signori), che collega la Marktplaz con i Burggarten (giardini del castello), è in stile tradizionale bavarese, con palazzi eleganti dai colori intensi e splendidi balconi fioriti. L’atmosfera è resa ancora più magica dalla cinta muraria originale e dalle sue solenni porte d’accesso. Il periodo migliore per visitare Rothenburg è quello natalizio, il borgo acquista un fascino senza tempo, l’abbondante neve riveste tutto di bianco e le luci dei ricchi addobbi natalizi vi faranno credere che Babbo Natale esiste davvero ed abita proprio qui! Tuttavia è molto interessante visitarla anche d’estate, quando il clima è decisamente più mite e i balconi tracimano di fiori colorati. Curiosità: a Rothenburg si trova all’interno di un antico edificio un museo del tutto singolare, il Museo Criminale, in cui si presenta la storia della giurisprudenza in Germania, con tanto di documenti, libri e soprattutto strumenti di tortura come la gogna.

    Berlino, Germania

    E’ difficile dire cosa ci sia da vedere a Berlino, eppure il magnetismo che trasmette quella città è irresistibile e chiunque vi si rechi non può fare a meno di tornarci. Berlino è la capitale più povera e sexy d’Europa e il carico di dolore che si porta sulle spalle, per via della sua storia travagliata fatta di muri e ideologie malate, la rende maledettamente affascinante. Nonostante ciò, è una metropoli che vuole correre lontano dal suo passato, alla conquista di un futuro migliore. E così, Berlino si merita il titolo di città poliedrica, che è possibile visitare organizzando percorsi storici, artistici e naturalistici. Nei percorsi storici non possono mancare la East Side Gallery, quel che resta del muro totalmente rivestito di graffiti realizzati dai migliori writers del mondo, il Museo del Muro, il Museo Ebraico, il Museo della Storia di Berlino (dove potrete vedere il bunker in cui si è suicidato Hitler) e Checkpoint Charlie (anche se si tratta di un falso storico, visto che è stato ricostruito). Nei percorsi artistici, inserite il National Gallery e gli altri musei situati nell’area chiamata appunto Museum Island, l’East Side Gallery con tutti i suoi graffiti è da inserire anche in questo tour, l’Oberbaumbrucke, il Memoriale dell’Olocausto, la Porta di Brandeburgo e poi lasciatevi trasportare dall’istinto, Berlino è ricchissima di mostre d’arte di artisti emergenti, ad ogni angolo ne troverete una degna di una visita! E infine i percorsi naturalistici: nella capitale tedesca è impossibile trovare angoli privi di verde, alberi, fiori e parchi sono ovunque e oltre a contribuire alla buona qualità dell’aria, riducono notevolmente il rumore del traffico e certamente allietano la vista. Da non perdere Tiengarten, il polmone della città, il celebre Zoo di Berlino con oltre 15mila specie animali e Grunewald, la foresta più grande con 3.000 ettari di estensione, situata nella zona occidentale della città. Tra gli innumerevoli vantaggi di Berlino c’è anche il fatto che è estremamente sicura, tranquillla, a misura di bambino, famiglia e anche di donne da sole. Davvero imperdibile.

    Sintra, Lisbona

    A due passi da Lisbona si trova un piccolo borgo incantato, incastonato come una pietra preziosa su di una lussureggiante rocca verde. Stiamo parlando di Sintra, centro della regione dell’Estremadura. E’ divisa in tre aree: Sao Pedro (centro commerciale), Estefania (parco pubblico e stazione ferroviaria) e Vila Velha con il Palazzo Reale. A catturare l’attenzione sono i suoi insoliti palazzi dai colori e dalle forme bizzarre, frutto di curiose e azzardate sperimentazioni architettoniche. E’ possibile visitare il Castello dos Mouros, costruito dagli arabi nel l’VIII secolo, l’incredibile Palacio de Pena, castello dai colori e dall’architettura fiabesca, fatto costruire nel 1836 da Ferdinando II di Sassonia, e il maestoso Palacio Real, costruito nel XIV su fondamenta moresche. Tutte strutture che per lungo tempo sono state le sedi predilette dai sovrani portoghesi per le loro vacanze estive. Oltre ai palazzi che regalano a Sintra un’atmosfera surreale e fuori dal tempo, da visitare c’è anche la famosa Torre al Contrario, che affonda le sue radici negli abissi della terra. La sua caratteristica struttura ad archi in pietra completamente ricoperti di muschio verde, accompagna il percorso concentrico che risale verso la luce, dagli abissi terrestri. Si dice che nel medioevo fosse il percorso iniziatorio che dovevano affrontare tutti coloro che si apprestavano a diventare cavalieri. La struttura dal fascino sinistro è aperta alle visite tutto l’anno.

    Cambogia

    Se avete intenzione di gettarvi a capofitto in un’esperienza forte e selvaggia, la vostra meta non può che essere la Cambogia, la terra del popolo Khmer, sempre ospitale e sorridente. Non a caso viene definita la terra dei sorrisi. E’ d’obbligo armarsi di bicicletta e vagare tra le rovine dell’Impero di Angkor Wat e costeggiare le rive del Mekong; chi ha più tempo a disposizione potrà addentrarsi più a fondo nel cuore di questa terra incontaminata. Ecco, di seguito alcuni consigli di viaggio. Nel bel mezzo dela giungla a squarciare il buio delle fronde, troverete il complesso di Angkor, un luogo fortemente suggestivo, visitato ormai da milioni di turisti, sempre intenti a catturare il fascio di luce migliore sul tempio di Angkor Wat, per scattare una foto indimentcabile. Per scoprire il modo unico di vivere dei cambogiani è necessario visitare il villaggio galleggiante di Kompong Luong. Sul lago Tonle Sap sono molti i villaggi, i cui abitanti conducono un’esistenza tranquilla su barche trasformate in case galleggianti… tutto è presente e reperibile sull’acqua: frutta e verdura, telefonini, benzina, scuole, asili, pesce ma anche galline e maiali…una vera e propria città galleggiante! Se siete amanti delle alte vette, non perdetevi gli affascinanti monti Cardamomi, rivestiti da una fitta foresta misteriosa: fino a pochi anni fa erano praticamente inespolarati e sono stati terra di contrabbandieri e banditi in cerca di fuga. Tuttavia la passione sempre crescente per l’ecoturismo sta facendo di questo luogo una meta ambita, per via della sua ricchezza naturale: elefanti, tigri, coccodrilli e migliaia di uccelli popolano le foreste di mangrovie nei pressi dei fiumi e del mare. Non distante da Siem Reap, rispettivamente a nord-ovest ed a nord-est, sono presenti le due riserve naturali di Ang Trapeang e Tmatboey, autentici paradisi per gli amanti del birdwatching. Se siete in cerca del mare, le aree costiere di Sihanoukville sono ciò che fa al caso vostro: i fondali puliti, le acque cristalline e le spiagge di sabbia bianca rappresentano un angolo di pace, un paradiso tropicale in cui rilassarsi. Infine, se vi resta ancora del tempo, visitate le regioni montuose di Rattanak Kiri e di Mondul Kiri, nell’estremo oriente del paese, al confine con il Vietnam, il luogo perfetto per gli amanti dell’avventura estrema. Qui potrete dare libero sfogo all’Indiana Jones che è in voi, praticando trekking nella giungla, passeggiando sul dorso degli elefanti, facendo il bagno ai piedi delle cascate e magari trascorrendo qualche notte nei villaggi delle etnie che abitano sulle montagne.