Rimborso spese di viaggio per elezioni amministrative 2011

da , il

    Rimborso spese di viaggio per elezioni amministrative 2011

    Ricevere un rimborso spese di viaggio per le elezioni amministrative 2011 non è così difficile. Chi abita fuori e deve necessariamente ritornare a casa per assolvere il proprio dovere di cittadino e recarsi alle urne, avrà diritto ad ottenere delle agevolazioni con qualsiasi mezzo di trasporto decida di viaggiare. Ovviamente il rimborso non sarà totale ma parziale. Ma è sempre meglio accontentarsi no?

    In particolare ci saranno delle importanti novità per chi viaggia in treno da parte di Trenitalia, mentre chi preferisce l’auto potrà usufruire del rimborso della Società Autostrade. Basterà pertanto mostrare i propri documenti e la tessera elettorale sia all’andata che al ritorno. Ma vediamo più nello specifico come ottenere i rimborsi per le spese di viaggio in occasione delle elezioni amministrative 2011.

    Il 2011 sarà anche un anno senza ponti, ma c’è sempre qualche motivo che ci spinge a partire, anche solo per qualche giorno. Quest’anno infatti ci sono le elezioni amministrative in moltissimi comuni italiani e soprattutto chi vive per esigenze lavorative o altro lontano da casa, deve far necessariamente ritorno per recarsi alle urne. Ovviamente il viaggio ha dei costi e per incentivare l’adesione al voto, Trenitalia e Società Autostrade in particolare hanno individuato un rimborso spese.

    Rimborso spese Trenitalia

    Chi opta per tornare a casa in treno viaggiando dall’Italia può acquistare dei biglietti a tariffa scontata mostrando la tessera elettorale o un’autocertificazione e di un documento identificativo. Il periodo di tempo in cui va effettuato il viaggio di andata e ritorno è di 20 giorni, per cui i biglietti non si possono utilizzare prima del 7 maggio 2011 e dopo il 26 maggio dello stesso anno. In caso di ballottaggio il biglietto è valido dal 21 maggio al 9 giugno 2011.

    Cosa succede per chi torna in Italia dall’estero con Trenitalia? Sarà necessario esibire la tessera elettorale ed il documento di identità oppure l’avviso ricevuto dall’Ambasciata italiana nel paese in cui ci si trova a vivere. I biglietti hanno una validità di 30 giorni e si possono utilizzare a partire dal mese prima delle votazioni, fino a 30 giorni dopo la chiusura dei seggi.

    In entrambi i casi al ritorno va mostrata la tessera elettorale con il timbro di avvenuta partecipazione al voto. Maggiori informazioni sul sito Trenitalia sezione ‘Elettori’.

    Rimborso spese Società Autostrade

    Chi ama viaggiare in macchina può usufruire della agevolazioni della Società Autostrade. Basterà esibire documenti di identità e tessera elettorale e si avrà diritto al pedaggio gratis. Al ritorno essa deve essere munita di timbro della sede elettorale.

    Rimborso spese per chi viaggia in aereo

    Per chi si reca a votare usando l’aereo deve sapere che non potrà mai avere un rimborso completo delle spese necessarie per tornare a casa. I viaggiatori avranno un’agevolazione del 40% previsto per la somma totale dei biglietti di andata e ritorno su territorio nazionale. Questo vuol dire che il rimborso massimo sarà di 40 € per ogni elettore. Ovviamente sarà necessario esibire tutti i documenti che attestino la partenza per ragioni elettorali.

    Rimborso spese per trasporti via mare

    Chi abita nelle isole e magari non prende l’aereo, dovrà per forza di cose scegliere un mezzo di trasporto via mare. Anche in questo caso sono previste delle agevolazioni, pari ad una riduzione del 60% del prezzo ordinario. Questa tariffa verrà applicata sia ai residenti in Italia che a chi abita all’estero.

    Per ottenere questa agevolazione anche al ritorno bisognerà esibire documenti d’identità e tessera elettorale con il timbro della sezione elettorale.

    Le elezioni amministrative sono vicinissime. E voi avete pensato di usufruire dei rimborsi spese del viaggio per votare? Se non lo avete fatto non aspettate ulteriormente!