Le mete dell’estate 2010 degli italiani in tempo di crisi

da , il

    Le mete dell’estate 2010 degli italiani in tempo di crisi

    La crisi continua a imperversare e gli italiani? Voglia di andare in vacanza, ma a piccoli prezzi. Ecco alcune mete tra le più scelte dagli italiani in quest’estate 2010 solcata dalla crisi.

    Gli italiani certamente non rinunceranno alle vacanze, tuttavia l’aria di crisi che non stenta ad aleggiare impone qualche attenzione.

    Località più vicine e uno sguardo al portafoglio: la tendenza indica tra le mete più ricercate per l’estate 2010 riviera Adriatica e Sicilia, perché si sa, vacanza molto spesso significa sole, distese marine e spiagge dove rilassarsi dimenticando il tempo tra gli splendidi litorali della nostra penisola.

    La regione Sicilia offre incredibili meraviglie archeologiche e culturali in luoghi come Agrigento e Palermo, senza contare la preziosità di un mare caraibico a Lampedusa.

    Rimini si stabilisce come prima destinazione al mare: la città, rinomata per l’intensa vita notturna, a breve attende l’ormai celebre Notte Rosa giunta all’edizione 2010 ed è considerata la località balneare con la maggiore capacità ricettiva, con oltre 500 hotel prenotabili, senza contare qualità dei servizi e budget magnanimo col borsellino.

    A Rimini seguono Palermo, Siracusa, Cesenatico, Riccione, Cattolica, Napoli e Alghero.

    Quanto spendono gli italiani? Il 65% meno di mille euro a persona e secondo un sondaggio di lastminute.com sembra che il 7% dei connazionali abbia pianificato di spendere una cifra più alta rispetto al 2009, mentre il 27% cercherà addirittura di spendere meno e il 33% starebbe preventivando un budget di spesa uguale all’anno precedente.

    Ovviamente agosto rimane il periodo preferito, scelto dal 53% anche per esigenze lavorative, tuttavia sono in aumento le vacanze a giugno e settembre, quando il clima è splendido e i prezzi più bassi.

    Soltanto il 2% degli intervistati viaggerà verso l’estero tra Stati Uniti e Canada e, in Italia o in giro per il globo, il 62% continua a cercare la vacanza al mare: cocktail, sole, relax e spiaggia pr un’estate forse con meno risorse, ma non certo meno rilassante.