La cena degli avanzi: appuntamento conclusivo del Salone del Gusto 2010

da , il

    La cena degli avanzi: appuntamento conclusivo del Salone del Gusto 2010

    Ci siamo quasi. Giovedì 21 ottobre prenderà finalmente il via il Salone del Gusto 2010. In cartello sono previsti oltre 300 eventi, snocciolati in 5 giornate dove si potranno conoscere e assaggiare delle prelibatezze della cucina italiana ed internazionale. Tra questi, sicuramente uno dei più attesi è Appuntamenti a Tavola per gustare le prelibatezze di grandi chef da tutto il mondo. La manifestazione si concluderà invece con La cena degli avanzi, durante la quale si useranno appunto i cibi avanzati dalla fiera.

    Il Salone del Gusto 2010 a Torino è ai nastri di partenza, ma una delle iniziative più interessanti avrà luogo alle 20.40 dell’ultimo giorno di fiera.

    Se per tutta la durata della manifestazione avete potuto assistere alla creazione di specialità tipiche da parte di numerosi chef, di certo vi sarete resi conto che non tutto viene utilizzato. Per dare un’impronta ancora più ecologica al Salone del Gusto, si è pensato di fare qualcosa per recuperare ciò che non è stato usato. Nasce così La cena degli avanzi, una cena in cui chef e osti manterranno la promessa della fiera, ovvero quella di riciclare e sprecare il meno possibile. Per questo, si utilizzerà la materia prima di scena al Lingotto fiere, cioè ciò che è rimasto dai vari laboratori, presidi, teatro del Gusto e comunque tutti quei prodotti a rapida scadenza, magari internazionali, che non possono essere riportati in patria. Ancora una volta, saranno i grandi chef a far sfodero della propria fantasia grazie alla quale creeranno dei piatti prelibati. Ovviamente anche questo evento è aperto solo a pochi, quindi assicurate presto la vostra presenza all’ultimo appuntamento della manifestazione. Una cena che si rispetti deve avere decisamente un aperitivo e al Salone del Gusto esso sarà a cura di Davide Scabin. La cena è un progetto, un’iniziativa sostenuta e voluta da Slow Food, partner principale dell’evento.