Hong Kong: cosa vedere in tre giorni tra grattacieli, templi e bancarelle

da , il

    Hong Kong è la vostra prossima meta? Ecco cosa vedere in tre giorni se non avete molto tempo per visitarla, o solo per sapere quali sono le attrattive principali e le mete irrinunciabili di questa enorme metropoli famosa per il suo skyline fatto di altissimi grattacieli e per il suo ampio porto naturale, il Victoria Harbour. La città di Hong Kong si trova affacciata sulla costa meridionale della Cina, ed è una delle aree più densamente popolate del mondo: se siete degli amanti della fusione tra orientale e occidentale che si trova quasi sempre nelle città asiatiche, Hong Kong soddisferà le vostre aspettative con i suoi grattacieli, i suoi templi nascosti, i minuscoli ristoranti tipici di cucina cinese, le bancarelle di prodotti locali e anche gli enormi centri commerciali dove acquistare i brand più famosi al mondo.

    Tutto questo, e molto altro, è Hong Kong: se siete stati attirati da una prima descrizione e volete decidere subito quando andarci, sappiate che il periodo migliore per visitarla è tra novembre e dicembre, quando il clima è mite e ventilato; da evitare sono invece i mesi compresi tra maggio e settembre, quando l’umidità raggiunge livelli insostenibili e c’è il rischio di imbattersi in una tempesta tropicale. Ma cominciamo subito il nostro itinerario da una delle più classiche attività da fare ad Hong Kong, ovvero una gita in battello sul mitico Star Ferry, un’antica imbarcazione in funzione dal 1888 che attraversa il Victoria Harbour regalando una vista panoramica sulla città davvero mozzafiato, specialmente al tramonto o la sera, quando le luci della città si riflettono nelle scure acque del mare. Dallo Star Ferry potete scendere a Tsim Sha Tsui e continuare il vostro itinerario in una delle mete della città preferite dai turisti: qui infatti si può fare una passeggiata sul lungomare ed ammirare di nuovo un panorama di Hong Kong davvero suggestivo; in più, in questo quartiere si trovano moltissimi negozi e ristoranti di ogni tipo, si può fare un giro nel centro commerciale più grande di Hong Kong, l’Harbour City, o visitare il Centro Culturale di Hong Kong, la Avenue of Stars, l’Hong Kong Museum of Art o l’Hong Kong Space Museum.

    Di sera, non perdetevi lo scintillante spettacolo A Symphony of Lights, a partire dalle ore 20:00: si tratta della più grande mostra permanente di luci e suoni al mondo! Del resto, Hong Kong detiene molti primati, come per esempio quello dell’hotel più alto del mondo: si tratta dell’International Commerce Centre, alto ben 484 metri. Iniziate alla grande il secondo giorno prendendo il tram storico che conduce a The Peak, l’attrazione turistica più famosa di Hong Kong: si tratta di un belvedere situato a 400 metri di altezza, dal quale si ha una vista spettacolare sui grattacieli della città e sulla baia circostante; dedicate il resto della giornata alla visita di sue importanti templi della città, per entrare un po’ più in contatto con la cultura e la religione locali. Il primo è il Man Mo Temple, il più caratteristico del quartiere Central, al cui interno si respirano un’atmosfera mistica ed un pregnante profumo di incenso, mentre il secondo è il Monastero Po Lin, il tempio più bello della città, che all’esterno ricorda un edificio della Città Proibita di Pechino e all’interno è maestosamente decorato. La sera fate un salto al mercato notturno di Temple Street, nel quartiere di Kowloon, dove fino a mezzanotte potrete immergervi in una miriade di bancarelle che vendono ogni genere di merce low cost ed osservare la marea umana che si riversa per le strade sedendovi ai tavolini all’aperto dei tanti ristoranti che servono pesce freschissimo.

    Cominciate il vostro ultimo giorno ad Hong Kong perdendovi tra le vie di Sheung Wan, un quartiere dove si torna indietro nel tempo e si riscoprono le antiche tradizioni cinesi, con le insegne colorate appese che si sovrappongono l’una all’altra e le ripide gradinate delle vecchie vie da percorrere insieme agli abitanti. Decisamente più moderno è il Central Escalator, la scala mobile all’aperto più lunga del mondo: attrazione unica e vero e proprio mezzo di trasporto, è utile per muoversi tra le salite e le discese di Hong Kong, ed il quartiere che la circonda è un suggestivo angolo internazionale della città, specialmente nella zona dei locali di Shelley Street. Per rilassarsi un po’ prima della partenza infine, potete andare a fare un picnic all’Hong Kong Park, un’oasi verde tra gli altri grattacieli di Central dove rilassarsi e staccare la spina dal caos cittadini; qui non perdete l’aviario coperto, una cupola di vetro sotto la quale si trova una ricostruzione in miniatura di una foresta pluviale, dove si può camminare su passerelle sospese per ammirare gli uccelli.