Fine del mondo 2012: dove scappare?

da , il

    Fine del mondo 2012: dove scappare?

    Che ci crediate o no, il 2012 è arrivato e si porta dietro le tante teorie sull’imminente fine del mondo. La più nota, si sa, è la profezia Maya, secondo cui il 21 dicembre 2012 sarà il giorno della catastrofe. Anche se, in realtà, le interpretazioni a tal proposito sono diverse: c’è chi parla di un evento devastante che porterà alla fine della vita come la conosciamo oggi e chi invece afferma che il 2012 sarà l’inizio di una nuova era di pace e spiritualità.

    A scanso di equivoci molte persone sono corse ai ripari e, impaurite dalla presunta catastrofe, hanno iniziato a cercare come salvarsi. Esistono numerosi siti web dedicati all’argomento e sono stati pubblicati addirittura libri e manuali su come sopravvivere al 2012, ma in realtà la domanda che attanaglia tutti è sempre la stessa: dove scappare? Esistono luoghi sicuri in cui rifugiarsi?

    Una comunità di italiani sta costruendo una città fortificata nello Yucatan, in Messico, dove hanno porte e finestre a prova di esplosivo, tunnel per scappare e rifugi sotterranei per nascondersi, nella speranza che tutto ciò possa bastare.

    Per chi vuole rimanere più vicino, c’è Bugarach in Francia che si salverà dalla fine del mondo grazie al Pech de Thauze, una montagna sacra: si vocifera che al suo interno siano nascosti il Sacro Graal ed il tesoro dei Templari e che nelle sue caverne viva una comunità di alieni.

    I più paranoici, invece, saranno contenti di sapere che si possono prenotare i biglietti per la navicella spaziale USS Ark 2012, l’unica e sola astronave in fuga dalla Terra, che fornirà un passaggio sicuro per un nuovo pianeta abitabile in caso di Armageddon.

    Il sito si chiama escapeearth2012.com e offre una garanzia di sopravvivenza del 100%. I posti sono limitati, quindi il consiglio è di comprarli il prima possibile!