Dopo il disastro della Costa Concordia è il momento giusto per andare in crociera?

da , il

    Dopo il disastro della Costa Concordia è il momento giusto per andare in crociera?

    Dopo il disastro della Costa Concordia, è il momento giusto per andare in crociera? Non vorremmo apparire insensibili, ma sicuramente è una domanda che si staranno ponendo in molti in questo momento.

    Per esempio, quelli che sarebbero dovuti salire a bordo del prossimo giro della Concordia. Oppure chi ha già pagato per altre crociere, a marchio Costa, Msc o Royal Caribbean. O ancora, chi aveva in programma di fare a breve una crociera e stava valutando i cataloghi.

    Superato lo shock bisogna andare avanti: anche le associazioni di categoria in difesa dei consumatori stanno valutando come far ottenere il risarcimento della crociera a chi si è ritrovato coinvolto nell’incidente della Costa Concordia.

    Quindi che fare: partire o non partire?

    Posto che ognuno di noi reagisce in modo diverso alle situazioni, il nostro consiglio è quello di partire lo stesso. Per svariate ragioni.

    In primis, le navi da crociera sono mezzi di trasporto, anzi di vacanza, sicuri e affidabili, oltre che veri e propri gioielli tecnologici. Quindi, anche se le immagini del naufragio di Costa Concordia hanno un forte impatto emotivo, non bisogna fare di tutta l’erba un fascio.

    In secondo luogo, l’Italia ha una lunghissima e valida tradizione marinara e una vocazione turistica che non meritano di essere bollate come poco sicure e superficiali.

    Il terzo motivo riguarda l’aspetto economico: è probabile che, per far superare al mercato crocieristico il brutto momento ed evitare un arresto nelle vendite di biglietti, le compagnie di navigazione decidano di attivare una serie di sconti, riduzioni e tariffe a prezzi agevolati. Questo potrebbe anche non succedere: ma nel caso in cui abbiate sempre sognato una crociera, tenete d’occhio i prezzi, superate il blocco psicologico e partite sereni.

    Tutto questo non è valido, ovviamente, nel caso in cui il solo pensare di salire a bordo di una nave vi faccia venire tachicardia e sudori freddi: in questo caso, forse è meglio aspettare e non partire.