Dodicesima tappa Giro d’Italia 2011: da Castelfidardo a Ravenna

da , il

    Il Giro d’Italia passa dalle Marche all’Emilia Romagna in questa dodicesima tappa che si corre giovedì 19 maggio.

    Il percorso torna a toccare la costa, stavolta per km148 di strada pianeggiante, passando per Ancona, Senigallia, Fano, Pesaro e arrivare in Emilia-Romagna, a Riccione, Rimini, Cesenatico ed entrare nell’interno per l’ultima tratta fino a Ravenna.

    Questa tappa del Giro d’Italia 2011 inizia da dove era terminata quella precedente, a Castelfidardo, famoso per la battaglia contro lo Stato Pontificio e l’annessione al Regno di Sardegna nel 1860.

    Ancona è il capoluogo delle Marche ed è uno dei più importanti porti italiani. Sorge su un promontorio a forma di gomito, in greco antico ankon, parola da cui deriva appunto il nome della città. Qui si trova, oltre a molte attrazioni artistiche e archeologiche, anche un importante museo per ciechi, il Museo Tattile Statale Omero, dove si possono toccare fedelissime riproduzioni delle opere classiche, medievali e rinascimentali della città.

    Risalendo si passa a Senigallia, che anche quest’anno ha ricevuto il riconoscimento della Bandiera Blu 2011 e a Fano, altro importante centro balneare marchigiano.

    Pesaro è invece conosciuta per essere la città natale del grande compositore Gioacchino Rossini e qui si può visitare la sua casa, dove sono custoditi gli oggetti a lui appartenuti.

    La corsa supera Riccione e Rimini e continua verso Cesenatico, dove, presso la stazione, è dedicato uno spazio particolare al ciclista Marco Pantani, originario proprio di Cesenatico e morto nel 2004.

    Con il Mausoleo di Galla Placidia, la Basilica di Sant’Apollinare, San Vitale e altri 5 patrimoni UNESCO, Ravenna è una città ricchissima di bellezze e sopratutto di splendidi mosaici. Anche bambole, marionette e giocattoli sono una ricchezza per la città, che possiede diverse esposizioni di materiale ludico.

    Certamente vale la pena visitarla mentre si attende l’arrivo dei corridori.