Sardegna del sud: mare e non solo. I luoghi da non perdere

da , il

    Sardegna del sud: mare e non solo. I luoghi da non perdere

    Per trovare spiagge bianche ed incontaminate non avete bisogno di recarvi ai Caraibi! Vi basta un traghetto oppure un’ora di volo per arrivare nella Sardegna del sud. Relativamente diversa dalla parte nord dell’isola, potrete crogiolarvi al sole nelle stupende spiagge di sabbia bianca e visitare città e luoghi assolutamente da non perdere.

    Forse è meno conosciuta, ma la parte sud della Sardegna è altrettanto bella, anche se leggermente diversa rispetto alla zona nord dell’isola.

    Nell’entroterra, il paesaggio è costituito da un insieme montagnoso particolarmente esteso di cui una gran parte è ricoperto da boschi e coltivazioni.

    A est di Cagliari, il capoluogo della regione, potrete percorrere la bellissima strada costiera verso Villasimius, antico villaggio di pastori e pescatori, che ha conosciuto un importante sviluppo turistico durante gli anni 60.

    Le spiagge di sabbia non sono solamente belle ma soprattutto immense, come per esempio quelle di Costa Rei.

    A sud del capoluogo sardo, troverete Pula grande villaggio agricolo e turistico adatto a tutti i tipi di budget a differenza della Costa Smeralda.

    Pula, oltre ad regalare un magnifico litorale costeggiato da pinete, offre anche una serie di attrazioni d’interesse culturale ed archeologico di grande rilievo. Per esempio Villa Santa Maria dallo stile neoclassico ed il Museo Archeologico di Giovanni Patroni dove sono custoditi alcuni reperti archeologici del villaggio archeologico di Nora.

    Questi sono solo alcuni esempi di cosa potrete visitare durante una vacanza in Sardegna: un po’ di sole, un po’ di mare e tante cose da visitare, ecco gli ingredienti della vostra estate 2010

    Villasimius

    Villasimius si trova a circa 50 km da Cagliari e si raggiunge attraverso una strada da panorami mozzafiato fra spiagge di sabbia bianca e il mare cristallino che contrasta con le sfumature della macchia mediterranea. Vacanza da sogno assicurata!

    La città offre ai turisti alcune delle più belle spiagge della Sardegna come Porto Giunco, Punta Is Molentis e Cala Caterina.

    Cagliari

    Cagliari è il capoluogo della Sardegna ed è un importantissimo approdo delle principali rotte del Mediterraneo grazie al suo porto particolarmente attrezzato. Questa città può vantare il passaggio dei Fenici intorno al IX secolo a.C. e dei romani verso la fine del II secolo. Oltre ad un bel bagno nelle spiagge della Sardegna, potrete visitare innumerevoli monumenti storici come le ville patrizie e l’anfiteatro che in estate ospita diverse manifestazioni culturali.

    Iglesias

    Iglesias è una città profondamente legata all’attività mineraria della Sardegna, i Cartaginesi furono i primi a sfruttare queste risorse ed in seguito, nel Medioevo, Pisa s’impadronì della zona. La città ha conservato un’impostazione urbanistica medioevale e ottocentesca, dove si possono visitare la Cattedrale di S. Chiara, la chiesa di san Francesco e per gli appassionati il Museo di Mineralogia e Paleontologia dove sono raccolti almeno 8000 pezzi fra fossili e reperti archeologici.

    Nuraghe Arrubio

    Nuraghe Arrubio, è uno dei più suggestivi nuraghe dell’isola. I nuraghe sono torri in pietra a forma di cono particolarmente diffusi in Sardegna. Arrubio è costituito da una grande torre centrale circondata da un vasto antemurale con 8 torri laterali per una superficie di 3000 metri quadri. Assolutamente da vedere se vi trovate in Sardegna!

    Costa Rei

    Guardando la foto state pensando alle Maldive? Vi sbagliate, siamo in Sardegna sulla bellissima Costa Rei nella parte sud orientale dell’isola. Mare cristallino, piccole calette, vegetazione dai mille colori e scogliere fantastiche sono solo alcuni ingredienti per una vacanza a Costa Rei.

    Dolianova

    Dolianova, in provincia di Cagliari, è una zona ricca di uliveti e vigneti dove si possono visitare cantine vinicole e degustare del buonissimo vino locale. Da non perdere la cattedrale di San Pantaleo che fu costruita fra il 1100 e il 1200 e dove si può ammirare la fonte battesimale ad immersione, assolutamente unica!

    Isole di Sant’Antioco e San Pietro

    Attraverso una piccola lingua di terra si arriva sull’isola di Sant’Antioco. La città di Sant’Antioco, di origini punico romaniche, offre un patrimonio culturale di grande rilievo con la sua basilica, il forte di Su Pisu, il toppe, l’acropoli e tanti altri monumenti principalmente risalenti all’epoca fenicio punica. Dopo Sant’Antioco sulla strada che porta a Calasetta, si possono ammirare paesaggi multicolore ed estesi vigneti fino ad arrivare a San Pietro, città tipicamente genovese.