Vacanze 2010 in Egitto: Sharm el Sheik diventa ecosostenibile

Sharm-el-Sheik
Sharm-el-Sheik

Sharm el sheik è ancora la meta preferita per le vacanze in Egitto. Mare da favola, spiagge cristalline e villaggi turistici ricercati sono le caratteristiche principali della perla del Mar Rosso, che di recente è diventata ecosostenibile.

La semplicità del sole, della sabbia e del mare. Il lusso degli hotel a 5 stelle, gli sport acquatici, lo shopping e il divertimento. Questo è Sharm el Sheik, una delle comunità turistiche più accessibili e sviluppate della penisola del Sinai. Tutto intorno ci sono beduini, tende colorate, montagne e mare. Ci sono piccoli alberghi dal design moderno e grandi complessi di catene internazionali e tutte le bellezze che ci si aspetta di trovare in un centro turistico, compresi casinò, discoteche e nightclub, corsi di golf e assistenza sanitaria. Con tutte le attività a disposizione, sarà pressoché impossibile per il turista annoiarsi.

Questa famosa località turistica affacciata sul mar Rosso viene considerata un paradiso per i sub, e questo grazie soprattutto alle sue acque cristalline, alla varietà di fauna dai colori sgargianti dell’arcobaleno e alla meravigliosa barriera corallina.

Sharm è una bella città ricca di residence e villaggi e dona lavoro soprattutto agli egiziani che abitano nelle vicinanze. Infatti il turismo nel mar Rosso è in continua ascesa, la gente è affascinata dalle foto delle spiagge, dai tramonti romantici, dalle sue acque limpidissime e dalla possibilità di fare immersioni in luoghi meravigliosi e colorati.

Da un punto di vista geografico, Sharm si trova in punta alla penisola del Sinai e proprio per questo è protetta dalle montagne, consentendo di avere un clima ideale in ogni stagione, che ovviamente diventa caldissimo in estate.

A partire dagli anni ’80, Sharm ha costruito pian piano il suo successo nel mercato turistico, e si pensa che sia un processo destinato a non concludersi troppo presto. Basti pensare che lo spiacevole episodio dell’attentato terroristico nel 2005 non ha scoraggiato i turisti, tanto meno gli italiani, veri e propri colonizzatori di questo territorio praticamente tutto l’anno. Ma ci sono novità in vista. Il continuo flusso turistico preoccupa e non poco il governo egiziano, deciso a proteggere gli ambienti naturali e le bellezze di Sharm, cercando di diffondere il concetto di spiagge ecologiche e turismo ecosostenibile. Pertanto il governo provvederà ad istituire severi controlli per arginare il problema dello smaltimento dei rifiuti.
Sicuramente con un po’ di intelligenza sarà possibile preservare uno degli ambienti più belli e affascinanti di tutto il pianeta.