Turismo gay: preferisce la Versilia alla Grecia

da , il

    Turismo gay: preferisce la Versilia alla Grecia

    In crescita i numeri raccolti dal turismo gay con imponenti miglioramenti registrati nelle location italiane, tanto che la Versilia batte la nota e celebratissima Grecia.

    L’avreste mai pensato? La famosa Grecia, location di feste senza fine e spiagge bollenti anche per le passioni nate sotto l’ombrellone, è stata battuta dalle coste della Versilia.

    Torre del Lago è stata annoverata tra le cinque mete ideali delle comunità LGBT europee, insidiando il primato di Mykonos.

    ‘Basta aprire una qualsiasi guida Lonely Planet per capire come il turismo omosessuale sia diventato una realtà. Nelle principali destinazioni occidentali c’è un capitolo dedicato alle proposte per gay e lesbiche. Per offerta turistica specifica intendiamo destinazioni attrezzate con locali e luoghi di incontro e socializzazione, come saune, discoteche, librerie e associazioni. In Italia Roma è la città più fornita, ma non raggiunge il livello europeo: per esempio mancano ancora quartieri gay, come Chueca a Madrid o Le Marais a Parigi’ spiega il direttore di Gay.it Alessio De Giorgi.

    Se il numero di giovani viaggiatori mostra una decisiva crescita, l’Italia è infatti offuscata da una certa arretratezza dal punto di vista strutturale e organizzativo.

    Il portale Gay.it ha analizzato destinazioni e modalità di viaggio preferite dalla comunità gay per l’estate 2010, con risultati davvero piccanti.

    Le stime mostrano che nonostante la crisi il popolo omosex spende quasi il doppio in viaggi rispetto ai coetanei eterosessuali, muovendosi il doppio con il treno e addirittura il triplo in aereo.

    In media il 33% di gay e lesbiche viaggia con il partner, il 32% preferisce partire con un amico, mentre il 32% si muove da solo e meno del 5% in compagnia di un familiare.

    Destinazioni romantiche, viaggi enogastronomici, vacanze all’insegna dello sport e del divertimento: l’Italia raggiunge il top soprattutto per la vacanza mordi e fuggi, tipica del week end lungo.

    Dopo Torre del Lago in Toscana, scelta dal 21% degli intervistati, la meta preferita dal turismo gay per l’estate 2010 è la Riviera romagnola con il 10% di preferenze: interesse anche verso Gallipoli e le meravigliose spiagge del Salento, che registrano il 16% delle preferenze.

    All’estero? Il popolo gay ama Sud America, specialmente Brasile ed Argentina, motivate anche dalle politiche apertamente a favore del riconoscimento dei diritti per gli omosessuali.