Smart hotel: arrivano gli hotel low cost

Smart hotel
Smart hotel

Cos’è uno smart hotel? Si tratta di alberghi in cui si paga la tariffa di base, che è piuttosto bassa, con la possibilità di scegliere se usufruire dei servizi extra o meno. In caso lo vogliate, si paga di più.
Questo tipo di alberghi esiste già da alcuni anni, ma ora è approdato anche in Italia, dove la filosofia del low cost riscuote un sempre crescente successo.
Naturalmente il sistema ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi, ma sta al cliente decidere se vuole fare a meno di alcuni comfort o no.
Il prezzo base per l’hotel è di circa €30, che include la stanza, ma esclude servizi come le pulizie e la colazione, per i quali ci si deve gestire da sé o pagare un sovrapprezzo.

Gli smart hotel sono una delle soluzioni migliori per spendere poco quando si va in vacanza. Certo, bisogna sapersi un po’ adattare e rinunciare ad alcuni comfort. Ad esempio è bene portarsi il sapone da casa, perché l’hotel non lo fornisce, così come la colazione, che non è inclusa nel costo di €30 euro della camera.
La colazione si può scegliere secondo quanto si desidera mangiare, per un costo che va dai 3 ai 9 euro.

Per quanto riguarda le pulizie, il personale si occuperà solamente di svuotare i cestini dell’immondizia e di far aerare la stanza aprendo le finestre, ma, se non volete rifarvi il letto da voi, dovrete sborsare circa €9.
Senza dubbio non è una grossa fatica, ma è bene ricordare che bisognerà anche pulire i pavimenti, in quanto non si può certo lasciare la stanza sporca per chi verrà dopo!

Naturalmente sono servizi non indispensabili, ma piuttosto importanti, per cui è bene essere bene informati su cosa è incluso nel prezzo della camera e cosa no ed eventualmente portare con sé ciò che manca. Serve quindi un po’ di organizzazione, ma ne vale la pena se si è capaci di accontentarsi.

Gli smart hotel sono quindi un’ottima soluzione per chi resta fuori poche notti e può fare a meno di certi servizi. Non saranno così tanto economici come i capsule hotel giapponesi, ma se non altro non sembra di dormire in un’incubatrice!