Scoperti resti rimasti sconosciuti per 2000 anni: una grande rivelazione

Recenti scavi hanno portato alla luce i resti di una cultura antica a lungo sconosciuta e potrebbero rivelare più di quanto si potesse immaginare.

scoperti resti rimasti sconosciuti
Scoperti resti rimasti sconosciuti per 2000 anni – viaggi.nanopress.it

Quando nel 2018 gli archeologi hanno scavato un tumulo funerario vicino alla città siberiana di Krasnoyarsk, non avevano idea di cosa avrebbero scoperto al suo interno. Non si trattava di un sito archeologico come altri, come spesso accade in questa regione, ma di un enorme tumulo di 2000 anni che conservava quasi intatti i resti di una cultura antica per molto tempo sconosciuta.

Scoperta resti di 2000 anni fa

La scoperta di una tomba è stata quasi casuale. La demolizione del piccolo tumulo era prevista per il 2018 al fine di ampliare il cimitero di Sinnoye, vicino alla città siberiana di Krasnoyarsk, che risale al XIX secolo. 

Un’équipe di archeologi dell’Università Federale della Siberia, guidata dal dottor Dmitry Vinogradov, ha scoperto che un’enorme tomba di quasi 2.000 anni fa è quasi completamente conservata nel sottosuolo, indicando l’esistenza di un’antica cultura a lungo sconosciuta.

un manufatto in bronzo
Un manufatto in bronzo in stile scitico trovato nella tomba di Krasnoyarsk – viaggi.nanopress.it

Come spiega Vinogradov, le ricerche e gli scavi veri e propri, iniziati nel 2021, hanno rivelato che fino a 50 corpi e altrettanti oggetti funerari erano sepolti nelle vicinanze, in una grande fossa rettangolare rivestita di legno e corteccia di betulla. Probabilmente in origine c’era anche un tetto in legno, ma è andato distrutto durante la demolizione.

All’interno della tomba rettangolare sono stati trovati molti utensili di uso quotidiano, oltre a strumenti sacri e armi utilizzate dai defunti nel loro passaggio all’aldilà. Si trattava di pugnali di bronzo in miniatura, asce da combattimento, specchi, coltelli, aghi, ceramiche, grandi perle e lastre di bronzo, una delle quali, secondo il dottor Vinogradov, raffigura un cervo, un motivo ricorrente nell’arte preistorica siberiana.

Una cultura antica per molto tempo sconosciuta

Ciò che ha sorpreso gli archeologi, oltre alla ricchezza e alla diversità dei reperti, è che il sito di sepoltura apparteneva a una cultura scita precedentemente sconosciuta.

Secondo il dottor Vinogradov, il termine “scita” si riferisce ad alcune caratteristiche archeologiche dell’Età del Ferro, come “alcuni vasi di bronzo, strumenti da equitazione e opere d’arte raffiguranti animali reali e mitici (principalmente cervi, gatti, uccelli rapaci e grifoni).”

tomba ritrovata siberia
La tomba con pareti lignee, nella quale sono stati rinvenuti i resti di circa 50 corpi – viaggi.nanopress.it

In particolare, una cultura di transizione nota come “cultura Teshin” è stata identificata per la prima volta dall’archeologo e storico Mikhail Gryazunov durante gli scavi di un sito sulla riva del fiume Tes’ nel bacino di Minushinskaya. Di conseguenza, è molto probabile che abbia avuto origine nelle vicinanze dell’area della cultura di Tagar tra il II e il I secolo a.C. 

Il professor Pavel Mandlika, direttore dell’Istituto archeologico siberiano dello Yenisei, ha spiegato che: “Oggetti piuttosto rari e organici sono sopravvissuti fino ad oggi. Penso che crani, frammenti di ossa, denti e altre parti antropologiche saranno studiati più a fondo dai genetisti per scoprire quali malattie avevano storicamente queste persone, cosa mangiavano e qual era la loro aspettativa di vita media”.