Sai qual è l’ottava meraviglia del mondo? È in Italia: non te l’aspetti proprio

L’Italia ci sorprende ancora con l’ottava meraviglia del mondo. Una sorpresa e una vera bellezza da ammirare. 

Ottava meraviglia del mondo in Italia – viaggi.nanopress.it

Nonostante i suoi numerosi problemi, l’Italia ha delle incredibili gemme nascoste. Bei posti e paesaggi da vedere e ammirare. Un luogo incredibile immerso nella natura, oppure un’incredibile opera di ingegneria che nessuno ha saputo replicare. Esempi sono la cupola del Pantheon a Roma e il vasto Colosseo.

Eppure, nonostante sia stata realizzata solo nel secolo scorso, l’incredibile opera è stata definita l’ottava meraviglia del mondo. Allora, qual è questa opera che ha tanto sorpreso Mad Jack?

Una meraviglia del mondo in Italia

Paliamo di una strada lunga “solo” 6 km. Un percorso panoramico con gallerie, curve tortuose e tornanti dentro e fuori la montagna, attraversando il canyon del fiume Brasa per raggiungere il villaggio di Tremosine a 423 m di altitudine. Parliamo della Strada della Forra sul versante nord del Lago di Garda.

Strada della Forra

Detta anche Porto-Pieve e SP38, questa strada è stata progettata e immaginata da Arturo Cozzaglio. Due sacerdoti hanno poi promosso il progetto, Dan Michele Milesi e Monsignor Giacomo Zanini.

Convinti dell’importanza di ciò, i due persuasero l’allora viceconte Vincenza Bettoni a coinvolgere Zanardelli, il capo del governo, promulgando una legge che prevedeva che i costi sarebbero stati a carico dello Stato e il resto dei comuni. La costruzione iniziò nel 1908 e coinvolse operai minerari specializzati, principalmente da Serle.

Come è possibile raggiungere questa meraviglia del mondo?

Dalla SS45 bis bisogna prendere la SP38, segnalata da apposito cartello che indica Strada della Forra. L’ingresso di questa strada è compreso tra la galleria che porta a Campione del Garda e il comune di Limone sul Garda.

Attenzione però, perché la strada è molto tortuosa, stretta e piena di cunicoli scavati nella roccia e soprattutto vale la pena prestare molta attenzione per catturare ogni angolo, ogni scorcio e ogni ricamo.

Strada della Forra

L’accesso è solo in salita durante l’alta stagione per evitare il blocco della carreggiata stretta dove due veicoli non possono passare contemporaneamente. La discesa di ritorno è invece da Pieve di Tremosine. Una strada molto tranquilla da guidare, ma ricca di splendidi panorami del Lago di Garda e dei suoi borghi. 

Questo strada è anche il paradiso dei motociclisti, che possono essere liberi di percorrerla in completa pace, godendosi il panorama a 360 gradi che solo le due ruote possono offrire.

E’ una strada percorribile anche a piedi o in bici ovviamente, per chi magare desidera conoscere ogni singolo scenario in qualsiasi momento. 

Gli appassionati di trekking possono avventurarsi verso il sentiero n°201. Ad una quota di circa 350 metri, si cammina tra mulattiere e scalini naturali. Il percorso è di media difficoltà e dura circa 3 ore in totale.