Olanda: la marijuana non sarà più legale? Coffee shop a rischio chiusura

da , il

    L’Olanda vorrebbe inserire la marijuana tra le droghe pesanti, andando a far compagnia a cocaina ed ecstasy. La proposta del governo olandese viene giustificata dal fatto che l’attuale marijuana avrebbe un contenuto di THC troppo elevato, superiore rispetto a quello di qualche anno fa, e quindi risulterebbe più dannosa per la salute.

    Se l’erba dovesse venire vietata, i coffee shop di tutto il paese, non solo ad Amsterdam, si ritroverebbero a rischio chiusura, perché si vedrebbero tagliata la loro principale fonte di reddito. I proprietari dei coffee shop, ovviamente, non sono d’accordo con l’iniziativa e affermano che non bisogna criminalizzare la marijuana , perché in questo modo si potrebbe creare un mercato parallelo e illegale, con la vendita di prodotti non controllati e quindi ancora più a rischio per i consumatori.

    Molti confidano nel fatto che il piano sia di difficile attuazione. Non è la prima volta che in Olanda si scatena un dibattito del genere: negli ultimi anni sono state fatte diverse proposte per rivedere la legge sulle droghe leggere e sul loro consumo.

    Qualche mese fa era uscita la notizia che i coffee shop sarebbero stati vietati agli stranieri. Il governo olandese vorrebbe introdurre una sorta di permesso per l’erba (weed pass) per scoraggiare il turismo della droga, che richiama turisti, soprattutto giovani, da tutta Europa.

    Per il momento, soltanto alcune cittadine vicino ai confini con Germania e Belgio hanno introdotto delle restrizioni: ad esempio a Maastricht, famosa per il Trattato sull’Unione Europea, possono comprare marijuana solamente i cittadini olandesi, belgi e tedeschi, tutte le altre nazionalità sono escluse.

    In realtà, la soluzione sembra abbastanza semplice: i coffee shop miglioreranno il controllo della qualità, magari diminuendo la percentuale di THC, e i consumatori si metteranno a fumare erba più leggera.