Musei gratis in Europa, solo per una notte

da , il

    Musei gratis in Europa, solo per una notte

    Visite gratis in numerosi musei italiani. E’ ‘La Notte dei Musei’, l’iniziativa promossa dal ministero per i Beni e le Attività Culturali, che aderisce all’evento organizzato a livello europeo. Musei statali aperti gratuitamente durante la notte tra sabato 15 e domenica 16 maggio.

    Dopo la Settimana della cultura, un’altra buona occasione per visitare le bellezze artistiche del nostro paese.

    E’ il secondo anno che l’Italia partecipa a ‘La Notte dei Musei‘, l’evento europeo che apre gratuitamente le porte di musei e aree archeologiche in orario notturno. Un’occasione unica anche per coinvolgere un pubblico più giovane e normalmente distante dal mondo della cultura. In alcune città, la notte verrà movimentata anche da concerti, mostre tematiche e suggestivi percorsi guidati.

    Il castello di Piccolomini a Celano, in provincia de L’Aquila; il Museo Nazionale D’Arte Medievale a Matera, il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara, il Castello Miramare di Trieste, il Palazzo Reale di Genova, la Galleria Sabauda a Torino, il Castello Svevo a Bari, il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, la Galleria degli Uffizi a Firenze, il Teatro Romano di Spoleto, sono solo alcuni esempi dei monumenti che resteranno aperti dalle 20.00 alle 2.00.

    Da Nord a Sud, da Est a Ovest, la scelta è vastissima. Sul sito del ministero di Beni e delle Attività Culturali è possibile visualizzare l’elenco completo, diviso regione per regione.

    Lo stesso ministero sottolinea il particolare rilievo della partecipazione della Regione Campania con la quale prosegue una proficua collaborazione per la valorizzazione e promozione del patrimonio culturale. Dopo il Maggio dei Monumenti, ora anche ‘La Notte dei Musei’ ha riscosso molti consensi. Sono ben trentacinque, infatti, i siti campani che aderiscono: dagli Scavi di Pompei, al Castello di Baia, dalla Certosa di Padula alle Grotte di Pertosa.