Mappe iOS 6 di Apple e posti reali: trova le differenze [FOTO]

[galleria id=”6747″]

Avete presente le Apple iOS 6 Maps? Benissimo. E avete presenti i luoghi reali che le mappe dovrebbero riprodurre? Ancora meglio. Vi siete accorti che ci sono alcune differenze, vero?
Esattamente: infatti le mappe Apple sono al centro di una divertente polemica ultimamente. Lanciate pochi giorni fa per fare concorrenza a Google Maps e offrire al mercato ‘una vera svolta per le mappe‘ come riportato sul sito, in realtà avrebbero ricevuto una caterva di critiche perchè piene zeppe di errori e poco precise.
Non proprio cosucce e basta dare un’occhiata alle mappe e poi confrontarle coi posti reali per rendersene conto: per esempio, il Ponte di Brooklyn a New York sembra una pista per go-kart. Ma non solo, Apple se la prende anche con alcuni dei monumenti più famosi del mondo: come la Torre Eiffel di Parigi.

Se cercate la Torre Eiffel sulle mappe iOS 6 della Apple, infatti, vedrete che il simbolo di Parigi appare decisamente piatto, come se fosse bidimensionale, senza avere un’altezza (che invece, trattandosi di una torre, è un aspetto piuttosto fondamentale).
Ritornando a New York, invece, si può dire che quello di Brooklyn non è l’unico ponte a passarsela male in Apple: anzi, è decisamente in buona compagnia. A New Orleans, per esempio, il Crescent City Connection Bridge è stato ribattezzato, chissà perchè, The Greater New Orleans Bridge. Questione di creatività?
Sarà, ma altri ponti hanno invece problemi di stabilità.

Rimanendo negli States, il Tacoma Narrow Bridge, nello stato di Washington, è formato da due ponti paralleli: secondo Apple, a metà del percorso si rischia di finire in acqua perchè i ponti sembrano spezzarsi. Invece in Inghilterra, il Clifton Suspension Bridge in versione Apple sembra che faccia una curva decisamente troppo strana per essere un ponte (che per definizione dovrebbe collegare un punto all’altro in linea retta).

Su Twitter, gli utenti lievemente infastiditi da Apple hanno caricato le mappe contenenti gli errori più colossali: così se potete fare la Transiberiana con Google Maps e visitare le Russia virtualmente, con le mappe Apple dovete stare attenti se vi trovate a Helsinki, città nella quale gli errori pullulano.

Tanto per cominciare, la stazione ferroviaria centrale viene indicata come un immenso parco, così come l’area per il mercato all’aperto più grande della città: in realtà è un grande spiazzo cementato a ridosso del porto, mentre sulle mappe Apple viene presentato come un parco. La stessa cosa potrebbe accadervi a Portland, nell’Oregon: un intero distretto è stato trasformato in un parco (la Apple deve avere molto a cuore gli spazi verdi in contesti urbani). Ora, il parco esiste davvero e si trova proprio in quella parte della città: ma la sua superficie è molto più ridotta e non copre grattacieli e case.

Ma non è tutto, al povero Montenegro è andata ancora peggio: Apple ha infatti cancellato tutti i centri abitati della costa, facendola apparire come un’immensa landa desolata e deserta. Insomma, non rimane che aspettare, evitare il download delle mappe di Apple almeno per il momento e aspettare tempi migliori.