Furti in aeroporto: i video che smascherano i ladri

da , il

    Cosa fate quando siete costretti a lunghe ore d’attesa in aeroporto? Magari leggete, girovagate per i duty free e vi prendete un caffè, ma sempre senza mancare di dare un’occhiata al vostro bagaglio, ovvio. Attenzione, qualcuno potrebbe essere più furbo di voi.

    Aggiornamento 10/06/2011: video rimosso perché non più disponibile.

    Le webcam in dotazione nei negozi di tutto il mondo spiano ogni nostra mossa e qualche volta scruta a fin di bene, nell’onesto intento di smascherare tutti coloro che approfittano dei momenti tra noia e attese dell’aeroporto per svaligiare il malcapitato prossimo.

    Ecco cosa succede nello scalo di Malpensa, dove anche se si è vicinissimi al bagaglio, basta un attimo di disattenzione per perdere di vista l’amato bene.

    All’aeroporto di Bangkok, dove, tra l’altro, verranno momentaneamente sospesi i voli di Blue Panorama tra Thailandia e Italia a partire dal 20 maggio, alcuni ingegnosi ladri malesiani hanno provveduto ad appropriarsi indebitamente di alcuni oggetti très chic di cui sono spesso forniti i luccicanti duty free degli scali mondiali.

    Rubare all’aeroporto di Bangkok

    Non sembrano essere esenti dalla tentazione anche gli occidentali, come una coppia inglese colta sul fatto a rubare in un duty free dell’aeroporto di Bangkok. Del resto, pur essendo esente tasse, bisogna dire che i costi degli oggetti così graziosi degli shop presenti negli scali sfiorano costi davvero da rapina.

    Dove finiscono i nostri bagagli?

    Cosa succede ai bagagli che attraversano la zona di sicurezza dopo il controllo check in? Ve lo spiega abilmente un video registrato nell’aeroporto di Ezeiza in Argentina, a Buenos Aires.

    Le telecamere hanno registrato un gruppo di agenti della sicurezza che, dopo aver individuato macchine fotografiche digitali e Mp3 e essere riusciti ad aprire in tempi record il lucchetto di una valigia, si impossessano del bottino, senza sapere che nello stesso momento un’altra webcam presente nella stanza stesse registrando la scena.

    Succede solo in Argentina? Ovviamente, sciaguratamente, no.