È nata una nuova isola vulcanica nel Pacifico, ci ha messo solo 11 ore per formarsi

L’eruzione del vulcano sottomarino Home Reef ha creato una nuova isola tra Tonga e la Nuova Zelanda in sole 11ore. Questa è la prima foto satellitare.

nuova isola vulcanica nel pacifico
nuova isola vulcanica nel pacifico – viaggi.nanopress.it

Le eruzioni vulcaniche non sono una novità per Tonga. La Polinesia è un arcipelago di oltre 170 isole, la maggior parte delle quali si è formata migliaia di anni fa a causa dell’attività vulcanica a ovest.

Home Reef, un vulcano sottomarino attivo nella regione, è la madre di un gruppo di loro. Di tanto in tanto, emette una miscela di vapore, lava e cenere, che si accumula creando isole e cumuli marini.

È nata un’isola da zero in 11 ore

È quanto accaduto all’inizio di questo mese, quando una piccola isola è emersa dal mare 11 ore dopo l’eruzione di Home Reef il 10 settembre, ha dichiarato la NASA in un recente comunicato stampa.

Secondo il Servizio geologico di Tonga, un’agenzia governativa, l’isola inizialmente era grande circa un acro, ma si è espansa fino a circa 8,6 acri in pochi giorni a causa della recente ondata di eruzioni vulcaniche.

home reef
Home Reef, prime immagini dal satellite

Quando si pensa alle isole, si immaginano spiagge sabbiose e vegetazione lussureggiante, ma non è così per questo isolotto vulcanico.

Renee Viomounga, geologa del Servizio geologico di Tonga, ha dichiarato al Washington Post che “è come un grande strato di vapore, cenere e pomice sul mare”. Ciò significa che la nuova isola non è nemmeno abbastanza resistente per camminarci sopra, ma la situazione potrebbe cambiare se si mantiene e si indurisce a lungo.

Home Reef

L’eruzione delle barriere domestiche nella zona di subduzione Kermadec-Tonga, uno degli archi vulcanici più attivi al mondo, ha spesso prodotto nuove masse continentali. Tuttavia, la comparsa sporadica di queste isole è un “mistero geologico”, “Non si sa mai quando appariranno e quando scompariranno”, dice Viomounga.

Una nuova isola nata in una delle aree più dense di vulcani sottomarini

Un vulcano può impiegare centinaia di anni, decenni e talvolta anni per eruttare e formare un’isola. La prima eruzione di Home Reef è stata registrata nel 1852. Cinque anni dopo, è eruttato di nuovo. In entrambi i casi sono state create delle piccole isole, ma solo temporaneamente. Lo stesso è accaduto nel 1984 e nel 2006.

Ogni volta gli isolotti assumono una forma diversa: nel 1984, era poco più di 185 acri e aveva la forma rettangolare simile ad una formaggera con un manico; nel 2006, era come un pollice che sbucava dall’acqua, con montagnole arrotondate che sviluppavano scogliere alte quasi 164 piedi. 

Questa volta, la nuova isola ha la forma di una molecola quasi perfettamente circolare, a circa 49 piedi sul livello del mare. La sua superficie è sufficiente per sei campi da calcio standard.

Quando un vulcano erutta, il magma si trasforma in frammenti di vetro che vengono sollevati in aria, chiamati “ceneri vulcaniche”. Questa miscela di minerali, vetro e roccia frantumati può finire in mare se proviene da vulcani sottomarini come l’Home Reef.

Un segno di un’eruzione sottomarina è l’accumulo di ciottoli vulcanici sulla superficie dell’acqua, che diventa un campo roccioso. I minerali possono viaggiare per centinaia di chilometri e raggiungere la costa. Ma possono anche creare e formare isole.

Questa piccola isola che destino avrà?

Quanto a lungo sopravvivranno le isole appena nate è un’altra questione. Quello del 2006 è affondato nel 2008, quando la sommità del vulcano è caduta in acqua per circa 33 piedi, secondo i dati dello Smithsonian Institution. Allo stesso modo, il vulcano Late Iki di Tonga ha creato un’isola che è scomparsa in due mesi nel 2020; secondo la NASA, lo stesso vulcano ha creato in precedenza isole che sono rimaste per 25 anni.

Le isole effimere spesso non sopravvivono a lungo, poiché vengono frammentate dall’erosione. Si verifica un ciclo geologico di vita: i minerali che hanno creato l’isola tornano lentamente al fondale marino da cui provengono, e questi minerali creano nuovamente nuove isole.