Chesapeake Bay negli Stati Uniti: una baia da ammirare dall’alto

[galleria id=”7191″]

La Chesapeake Bay, negli Stati Uniti, è una meravigliosa baia della east coast divisa tra Maryland e Virginia, ricca di storia e di una splendida natura: la baia è infatti anche l’estuario più grande degli Usa, dove sfocia il fiume Susquehanna, ed ospita moltissime specie di animali tra pesci, uccelli e mammiferi, che vivono in un ecosistema molto delicato ed armonioso. Ma questa terra di pescatori e tramonti mozzafiato è stata anche teatro della famosa battaglia omonima che, nel 1781, determinò la fine della Guerra d’Indipendenza americana e la nascita degli Stati Uniti. Il particolare nome della baia deriva dall’algonchino, la lingua degli Algonchini, una tribù di nativi americani che oggi è la più popolosa: essi abitano nelle riserve indiane canadesi, ma originariamente vivevano proprio qui, sulle coste dell’Oceano Atlantico; chiamarono la baia Chesepiooc, che significa “un villaggio presso un lungo fiume”, ed il nome fu poi adattato nella lingua inglese.

La Chesapeake Bay è, ingiustamente, un’attrazione turistica sottovalutata: in un tour della east coast non dovrebbe mancare, anche solo perchè permette di uscire dalle grandi metropoli come New York e Chicago, con i suoi altissimi grattacieli dall’architettura avveniristica e i monumenti di arte moderna, per entrare nella tranquilla realtà delle cittadine comuni che vivono di pesca. Qui il tempo scorre lento come le auto lungo i trafficati ponti che collegano le sponde della baia: il Chesapeake Bay Bridge-Tunnel collega con ponti e tunnel le due estremità della baia in Virginia, mentre il Bay Bridge unisce con due ponti paralleli le sponde della baia nel Maryland fino alla storica città di Annapolis, capitale dello stato, la cui vita ruota intorno al famoso porto. E sono proprio questi ponti una delle principali attrazioni della Chesapeake Bay: percorrendoli si possono ammirare panorami mozzafiato sulla baia, e specialmente al tramonto i paesaggi sono davvero unici. Se siete amanti dei viaggi on the road e dei lunghi ponti sospesi sull’acqua questi fanno proprio al caso vostro, e ci si può fermare lungo la strada ad osservare il mare e scattare splendide fotografie. In particolare, percorrere il Chesapeake Bay Bridge-Tunnel in Virginia è un’esperienza unica: esso è considerato una delle sette meraviglie ingegneristiche del mondo, e tra ponti e tunnel si guida per ben 28 chilometri lungo i quali ci sono persino un ristorante, un bar ed un negozio di souvenir.

Un modo sicuramente inusuale ma molto affascinante per ammirare dall’alto questa suggestiva baia; e se l’esperienza vi colpisce, potete scendere più a sud e percorrere il Seven Mile Bridge, uno dei ponti più lunghi del mondo che collega tra loro le Isole Keys, al largo della Florida. Come già accennato, la Chesapeake Bay oltre a regalare magnifici paesaggi naturalistici custodisce anche un ricco ecosistema di fondamentale importanza per la vita naturale della baia e per il sostentamento dei suoi abitanti: la baia stessa, i vari fiumi circostanti e le foreste delle coste e del vicino entroterra sono la casa di moltissime specie animali, che hanno bisogno l’una dell’altra per sopravvivere e mantenere il complesso equilibrio di cui fanno parte; purtroppo l’intensiva attività dei porti che si affacciano sulla baia e la pesca troppo aggressiva hanno minato la salute dell’ecosistema già molti anni fa. Per questo, dalla fine degli anni ’60 la Chesapeake Bay Foundation lavora senza sosta per preservare e difendere tramite accordi, trattati ed atti di sensibilizzazione, lo splendido e delicato patrimonio naturale che ancora resiste nella baia.