I biglietti per la Beatificazione di Giovanni Paolo II sono gratuiti

da , il

    I biglietti per la Beatificazione di Giovanni Paolo II sono gratuiti

    Il 1° maggio 2011 si terrà la Beatificazione di Giovanni Paolo II a Roma e i biglietti saranno completamente gratuiti.

    Questo è un evento che attirerà nella capitale milioni di fedeli e semplici curiosi che si recheranno ad assistere alla cerimonia religiosa e che approfitteranno dell’occasione per visitare Roma, la città eterna.

    Il vicesindaco afferma che circa un milione di visitatori arriveranno dall’estero e che, trattandosi di una quantità di persone enorme, la sicurezza sarà da gestire nel migliore dei modi.

    La Prefettura della Casa Pontifica è venuta a sapere dell’esistenza, soprattutto su internet, di una serie di offerte di assistenza e biglietti per l’evento assolutamente impropria.

    Il Vaticano, infatti, sottolinea il fatto che in occasione di cerimonie Pontificie, di udienze generali o, come in questo caso, per una Beatificazione nessuna persona fisica o ente può pretendere alcun tipo di pagamento, perciò diffidare di tutti gli annunci o proposte che si possono trovare specialmente sul web.

    La Beatificazione di Giovanni Paolo II sarà un evento aperto a tutti, gratuitamente e senza bisogno di prenotazione.

    Gli unici biglietti che verranno emessi sono quelli destinati alle autorità civili che vorranno partecipare alla celebrazione.

    Il grande afflusso di persone previsto sta a testimoniare ancora una volta quanto il settore del turismo religioso non patisca la crisi come il turismo tradizionale vacanziero.

    Normalmente il Pontefice in carica presiede alle canonizzazioni ma non alle beatificazioni, cui provvede un suo rappresentante.

    In questo caso, però, Benedetto XVI presiederà di persona, vista l’importanza dell’evento che vede come protagonista il Papa più amato di tutti i tempi.

    Sarà la seconda volta che il Pontefice derogherà dalla norma da lui stesso reintrodotta; la prima riguardò la Beatificazione del cardinale John H. Newman a Birmingham.