Animali tipici del Madagascar: l’incanto di una fauna unica al mondo

[galleria id=”7669″]

Conoscete gli animali tipici del Madagascar? In un tempo antichissimo, circa 165 milioni di anni fa, il Madagascar era un tutt’uno col continente africano, poi, nei successivi 15 milioni di anni si è progressivamente staccato e allontanato dal perimetro dell’Africa, divenendo totalmente indipendente con una superficie totale di 587.000 Km². Questa incredibile evoluzione, ha determinato condizioni ambientali totalmente differenti da quelle africane. In Madagascar infatti troverete una fauna estremamente diversa da quella dell’Africa: non incontrerete grandi mammiferi come elefanti, zebre o leoni, tuttavia rimarrete esterrefatti dall’incredibile ricchezza di specie animali, esistenti esclusivamente in questa enorme isola dell’Oceano Indiano.

Potrete ammirare circa 30 specie di lemuri, che insieme al camaleonte sono gli animali simbolo del Madagascar. Sono mammiferi primati, progenitori delle scimmie, che hanno dimensioni, peso e sembianze molto differenti a seconda, appunto, della specie di apprtenenza. Originariamente esistevano oltre 50 specie, tuttavia quelle di grandi dimensioni con il tempo si sono estinte per colpa dell’uomo. Una di queste, raggiungeva addirittura i 200 kg di peso!

Attualmente la più diffusa è quella dei Lemuri dalla coda ad anelli: le loro proporzioni sono simili a quelle di un gatto domestico e sono molto socievoli con l’uomo. Molto popolari sono anche i Sifaka: assomigliano a dei piccoli orsetti e raggiungo i 7 kg di peso; sono noti soprattutto per la loro camminata, che sembra una danza. I più grandi in assoluto sono gli Indri, che possono raggiungere i 20 kg e assomigliano a dei piccoli bradipi. I più piccoli invece, sono i Lemuri topo, notoriamente notturni, che con i loro 30 grammi di peso stanno ben comodi anche dentro una tazzina da tè! Infine, tra i lemuri notturni, è doveroso citare anche l’Aye aye, dalle sembianze simili ad un pipistrello senza ali, che secondo le credenze popolari dell’isola, è portatore di malaugurio.

In Madagascar si trova un altro animale singolare, il Fossa, l’unico predatore dell’isola, si tratta di un piccolo felino che ricorda un puma di piccole dimensioni. Misura massimo 91 cm e ha un peso che si aggira intorno agli 11 kg.

Sono inoltre state descritte ben 45 differenti specie di pipistrelli, tra le più note c’è la Volpe volante. Nella riserva naturale di Berenty si trova una colonia piuttosto numerosa che periodicamente viene mostrata ai turisti.

E’ anche possibile ammirare oltre 250 specie di uccelli, tra più diffusi troviamo i Vanga dal becco a falce e i Vanga dalla coda rossa. Vi sono poi alcune specie che si sono estinte nel corso delle epoche, come l’Epiornite, il Tuffetto del Delacour. Sopravvivono invece ancora oggi il Cua gigante e il Cua crestato. Attualmente è a grave rischio di estinzione l’aquila di mare, di cui si contano soltanto alcune centinaia di esemplari.

In Madagascar e per la precisione in prossimità del fiume Tsiribihina e dei laghi Alaotra e Ihorty, sono presenti alcuni uccelli acquatici, tra cui il Martin pescatore pigmeo, il Martin pescatore malachite e molte specie di anatre, ralli e pivieri.

Ma la fauna del Madagascar è così ricca che vi potrete trovare ancora: 54 specie di camaleonti, 260 di rane, 4 di tartarughe di terra e 5 di mare, alcune in grave pericolo di estinzione.

Anche la fauna marina è estremamente ricca: nella barriera corallina si trovano coloratissimi pomacanti, chetodonti, pesci scatola, pterois, pesci demoiselles, cernie dorate e balistidi. Non mancano poi tonni, pesci vela, marlin, barracuda e l’inoffensivo gigante squalo balena.

Tra i cetacei, il grande capodoglio, la balena megaptera novaeangliae ed infine il preistorico celacanto.

Pensate, gli animali tipici del Madagascar sono per il 95% unici al mondo, proprio per questo, la ricchezza naturalistica di questa terra incredibile è un immenso patrimonio per l’umanità, tutto da custodire.