Altro che scomparso, è stato ritrovato dagli scienziati dopo 36 mila anni

Erano alla ricerca dell’oro e hanno scoperto lui. Ha vissuto 36.000 anni fa. È un esemplare raro ed è stata preservato in modo incredibile.

in america ritrovamento
Ritrovamento in America – viaggi.nanopress.it

È un animale che è popolarmente noto per simboleggiare gli Stati Uniti d’America. È un mammifero noto per le sue vaste praterie nella zona settentrionale del paese. Uno di questi esemplari, mummificato 36mila anni fa, è stato recentemente scoperto ed è ora esposto all’UA Museum of the North di Fairbanks. 

La storia dell’animale è affascinante ed è stato del tutto casuale. Trovato dalle persone che lavoravano in una miniera d’oro e che lo hanno donato al museo. Grazie al permafrost, la conservazione era perfetta. E grazie al collagene nella pelle dell’animale è stato possibile datare l’anno in cui è vissuto.

Le tecnologie moderne

I mammiferi sono ancora una volta al centro di due dipartimenti del Museo dell’Alaska: scienze della terra e archeologia. Questa volta parliamo di un bisonte, rinominato Blue Babe, e l’obiettivo primario è ottenere il numero massimo di campioni attraverso il radiocarbonio, che utilizza il contenuto di isotopi di carbonio.

bisonte ritrovamento
Bisonte – viaggi.nanopress.it

Nel frattempo, i dettagli su Blue Babe hanno già riscosso molto interesse. Prima di tutto, nasce la domanda: perché è stato usato il blu nel nome dell’animale?

Un bisonte unico e quasi completo 

Il colore blu della pelle di Blue Babe deriva da un minerale chiamato vivianite. I minerali si trovano in tutto il mondo, ma questo particolare minerale si forma solo sulla pelle del bisonte. Questa scoperta è stata entusiasmante perché i minatori stavano cercando di sciogliere del letame congelato e hanno trovato il cranio dell’animale.

Gli esperti dicono che un leone ha ucciso il bisonte, azzannandolo sul collo. Evidenza di striature di sangue congelato sulla pelle del bisonte e frammenti di molari di un felino rimasti all’interno della sua carne. Ciò ha portato gli scienziati a capire che Blue Babe mori d’inverno congelandosi rapidamente, rendendolo troppo resistente ai predatori.

L’esemplare è quasi del tutto completo. L’unica cosa mancante è una scapola.

Non esistono altre mostre al mondo dedicate a un bisonte dell’era pleistocenica, il che significa che gli amanti di questi temi dovrebbero assolutamente andare in Alaska.

bisonte in mostra al museo
Blue Babe in mostra al museo – viaggi.nanopress.it

Il Pleistocene è un’era molto intrigante per gli archeologi, in quanto furono gli anni in cui vissero sia Homo habilis che erectus, per non dimenticare Neanderthal e Homo sapiens.

Vedere in prima persona Blue Babe è un pò come tornare indietro nel tempo. Il bisonte blu era un bisonte delle steppe, ormai estinto, insieme al leone americano e a molti altri grandi animali dell’epoca. Originario dell’Asia, i suoi omologhi raggiunsero la Spagna, come testimoniano i dipinti di Altamira.

Il ritrovamento di questa mummia è considerato di fondamentale importanza per lo studio di questa specie, che ormai da tanto tempo è estinta.