Aereo, questo gesto in volo ti rovina: scattano 2.000 euro di multa subito

Un vizio a cui non poter rinunciare è costato carissimo ad un passeggero del volo Ryanair Bergamo – Alghero che si è acceso una sigaretta nel bagno dell’aeromobile ed è incappato in una maxi multa.

Aereo 1000 euro di multa
Aereo 1000 euro di multa – viaggi.nanopress.it

Organizzare vacanze low cost nei minimi dettagli per tenere sottocontrollo un budget che non lascia troppo margine di scelta, ma che comunque permette di godersi un po’ di meritato riposo, salvo poi rimediare una mega multa per un gesto futile e non indispensabile: è quanto è capitato ad un passeggero del volo Ryanair da Bergamo ad Alghero. Il malcapitato in procinto di tuffarsi nelle sue vacanze estive, non ha saputo resistere alla tentazione di fumarsi una sigaretta in aereo e alla fine ha pagato un “salatissimo” dazio.

Sigaretta in volo, scatta la maxi multa

soldi euro
soldi euro Nanopress

Nonostante la rotta non sia particolarmente lunga, da Bergamo ad Alghero sono poco meno di 600 km in linea d’aria per un’ora e un quarto di volo, la tentazione è stata troppo forte, ed il vizio del fumo ha avuto la meglio, anche sui divieti. Fumare, infatti, è da tempo vietato su ogni mezzo di trasporto, aerei compresi, ed i divieti capeggiano in ogni dove. Ma il protagonista di questa vicenda non ha voluto sapere ragioni e ad un certo punto del suo viaggio si è recato in bagno per “un paio di tiri di sigaretta”. Sarà per il fumo stesso o per l’odore, il personale di bordo ci ha messo poco per accorgersi della furbata ed ha immediatamente avvertito il comandante che ha fatto scattare l’allarme. O meglio, a sua volta ha avvertito chi di dovere. A quel punto, una volta atterrati, il passeggero si è ritrovato allo Scalo della Riviera del Corallo di fronte agli uomini della Polaria che lo hanno individuato, identificato e senza troppi giri di parole gli hanno comminato una maxi multa di 2000 euro. Con questo gesto è stato infatti violato l’articolo 1.213 del Codice di Navigazione Aerea, che riporta: “Chiunque non osserva una disposizione di legge o di regolamento ovvero un provvedimento legalmente dato dall’autorità competente in materia di polizia di bordo è punito, se il fatto non costituisce reato, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire due milioni a lire dodici milioni“.

Fumare in volo, ecco cosa può succedere

Alla luce di tutto questo bisogna anche sottolineare che in realtà i 2000 euro di multa rifilati al trasgressore lombardo, non corrispondono nemmeno al massimo delle “pena”. La legge prevede, infatti, un’ammenda amministrativa fino a 6.197 euro. Ma non è tutto: se al momento dell’atto fossero scattati persino i sensori antifumo dell’allarme antincendio a quel punto sarebbe partita anche la denuncia penale. Chissà che la prossima volta questo passeggero non ci penserà due volte prima di accendersi una sigaretta in volo e magari opterà per un sonnellino od un pacchetto di noccioline da sgranocchiare, quello che è certo è che la sua vacanza low cost si è trasformata in pochi istanti in un “caro prezzo”. Ad ogni modo la dicitura “Il fumo nuoce gravemente alla salute” sarebbe più completa se recitasse così: “Il fumo nuoce gravemente alla salute e al portafogli”.