NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Le spiagge più belle della Puglia da non perdere

Le spiagge più belle della Puglia da non perdere
da in Spiagge, Spiagge italiane, Vacanze al mare, Vacanze estive, Vacanze in Italia, Vacanze in Puglia, Otranto, Salento
Ultimo aggiornamento: Venerdì 16/09/2016 07:52

    Individuare le spiagge più belle di una regione come la Puglia, che di baie e insenature mozzafiato ne ha in gran quantità, è davvero un’impresa titanica. L’altra faccia del turismo italiano, al fianco dell’ambitissima Sardegna, nei suoi 800 chilometri di costa, vanta lidi di rara bellezza, capaci di attirare viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo. C’è Pescoluse, soprannominata le ‘Maldive del Salento’, c’è la Baia di Torre dell’Orso con i suoi imponenti faraglioni e poi c’è Baia Vignanotica, soprannominata la ‘Spiaggia dei gabbiani’. Pronti a scoprire la nostra selezione delle imperdibili?

    Punta Prosciutto

    (Immagine via Flickr, licenza CC senza modifiche)

    Punta Prosciutto è una baia caraibica, rivestita di sabbia bianchissima ed extra fine. A lambirla c’è un mare chiaro e cristallino, mentre alle sue spalle a incorniciarla c’è una ricca vegetazione mediterranea, tipica di quest’area marina protetta. Qui potrete ammirare suggestive dune alte otto metri. Questo luogo incantato si trova a circa una decina di chilometri da Porto Cesareo, oltre Torre Lapillo.

    Porto Selvaggio

    (Immagine via Flickr/a>, licenza CC senza modifiche)

    Custodito tra altre due meraviglie della Puglia, Gallipoli e Porto Cesareo, si trova Porto Selvaggio, una riserva naturale, che si manifesta soltanto ai più curiosi e avventurosi, dopo aver percorso un lungo sentiero immerso tra cespugli di ginestre e gigli marini. Qui il mare vi lascerà a bocca aperta con le sue tonalità intense del blu.

    Pescoluse

    (Immagine via Flickr, licenza CC senza modifiche)

    Tra le spiagge più belle della Puglia è doveroso menzionare Pescoluse, soprannominata le Maldive del Salento. Questa baia spettacolare, Bandiera Blu di Legambiente, si trova tra Ugento e Santa Maria di Leuca. Sono 4 chilometri di paradiso, in cui la sabbia candida e impalpabile è bagnata da un mare così trasparente da non avere segreti. I fondali sono anche piuttosto bassi, per questo è adatta anche ai più piccoli e a chi non ha dimestichezza con il mare. A completare questo incredibile quadro tropicale ci sono le palme.

    Torre dell'Orso

    (Immagine via Flickr, licenza CC senza modifiche)

    Sulla Costa Adriatica troviamo Torre dell’Orso, una lunga baia di sabbia incorniciata da fitte pinete. Dinanzi alla costa svettano dalle profondità marine due faraglioni gemelli, chiamati ‘Le due sorelle’, perché secondo un’antica leggenda, due donne, estasiate dalla bellezza di questo tratto di mare, si gettarono nelle acque. Gli dei, colpiti da questo gesto, decisero di tramutarle in scogli, cosicché potessero ammirare per sempre quell’immensa distesa blu cobalto.

    Porto Badisco

    (Immagine via Flickr, licenza CC senza modifiche)

    Se vi piacciono le insenature strette in cui un mare mozzafiato si inserisce furtivamente, Baia Badisco è ciò che fa per voi, un piccolo fiordo incantevole, nascosto a metà strada tra Otranto e Santa Cesarea Terme. Secondo l’Eneide, questo è il luogo in cui approdò Enea. Qui, oltre alla bellezza incredibile del mare, paradiso per i sub, potrete visitare uno dei siti archeologici più importanti d’Europa, la Grotta dei Cervi.

    Baia dei Turchi

    (Immagine via Flickr, licenza CC senza modifiche)

    Un altro luogo magico della Puglia si trova a pochi chilometri da Otranto: stiamo parlando dell’incantevole Baia dei Turchi, così chiamata proprio perché fu il punto d’approdo dei Turchi, ai tempi dell’invasione della città, nel XV secolo. E’ una delle spiagge più amate dell’intero Salento: è caratterizzata da un lungo lembo di sabbia bianca, lambito da un mare cristallino e piacevolmente caldo.

    Baia Vignanotica

    (Immagine via Commons.Wikimedia, licenza CC senza modifiche)

    Baia Vignanotica è un sottile lembo di sabbia bianca, protetto alle spalle da alti faraglioni di calcare, che constribuiscono a rendere il paesaggio davvero suggestivo. E’ soprannominata la ‘spiaggia dei gabbiani’ perché verso sera tornano nei loro nidi nascosti tra le rocce i gabbiani reali. I fondali di questa spiaggia sono incredibilmente ricchi di vita, perfetti per gli appassionati di snorkeling. Baia Vignanotica si raggiunge percorrendo un sentiero dalla Baia dei Mergoli o delle Zagare.

    Baia delle Zagare

    (Immagine via Flickr, licenza CC senza modifiche)

    La Baia delle Zagare è la perla del Garagano. Incastonata tra Mattinata e Vieste è composta da due spiagge mozzafiato, suddivise da un’alta falesia calcarea. Dopo aver camminato lungo un sentiero ombreggiato da mandorli, uliveti e fresche pinete, vi troverete dinanzi a una spettacolare spiaggia di ciottoli bianchi che scivolano in un mare incredibilmente trasparente. Volgendo lo sguardo verso l’acqua, potrete ammirare imponenti faraglioni di calcare bianco.

    Cala Matano

    (Immagine via Flickr, licenza CC senza modifiche)

    Per potervi gustare Cala Matana, dovrete innanzitutto raggiungere le Isole Tremiti. E’ chiamata anche Cala della Duchessa, in memoria di una nobildonna che abitò da queste parti. Dovrete scendere per un sentiero sterrato nascosto nella fitta vegetazione e in pochi minuti vi ritroverete in paradiso: Cala Matana farà svanire dentro di voi il desiderio di Caraibi.

    1791

    PIÙ POPOLARI