Viaggio on the road: come fare lo zaino perfetto

da , il

    Viaggio on the road: come fare lo zaino perfetto

    Avete in programma un viaggio on the road e non sapete come fare lo zaino perfetto? Se non siete pratici di vacanze avventurose o addirittura per voi è la prima volta, fermatevi un istante e prendete nota di tutto ciò che è indispensabile sapere per preparare un bagaglio adatto alle vostre necessità. Sì perché, è importante chiarire subito un concetto basilare: se state partendo per un Safari in Namibia, non potete portarvi due trolley, una valigia e un beauty, dovrete necessariamente creare un unico, piccolo, leggero e super funzionale zaino. Scoprite come fare.

    QUALE ZAINO SCEGLIERE

    Quale zaino scegliere

    Prima regola: acquistate uno zaino di qualità. Sia che dobbiate intraprendere il cammino di Santiago, sia che abbiate intenzione di attraversare il deserto del Sahara, è fondamentale partire con un bagaglio che sia strutturato, idoneo ad affrontare ogni forma di strapazzamento. Così eviterete di ritrovarvi all’improvviso alleggeriti da uno squarcio imprevisto nello zaino, che farà cadere rovinosamente a terra i vostri pochi, ma preziosi bagagli; in più non dovrete ripetere la spesa nel breve termine. E’ importante che abbia una buona struttura di sostegno per la schiena, in maniera tale che sappia distribuire al meglio i carichi lungo la colonna. Avete la vaga idea di cosa significhi camminare nel deserto con uno zaino che è grande praticamente quanto voi (solo senza gambe)?! Diffidate da quelli troppo complicati, con troppi lacci, tasche e cerniere. L’unica cerniera realmente importante è quella verticale (di solito al centro o sul fianco), che vi permette di accedere con comodità agli strati inferiori del bagaglio.

    COSA METTERE NELLO ZAINO

    Cosa mettere nello zaino

    Cosa mettere nello zaino? La domanda non è poi così da un milione di dollari. Sui capi d’abbigliamento, ovviamente, sarà indispensabile fare le dovute distinzioni, in base al vostro sesso e soprattutto al clima che andrete ad affrontare. Ecco invece l’elenco delle cose indispensabili, che non potrete dimenticarvi: un coprizaino impermeabile, un lucchetto per chiudere l’armadietto degli ostelli, un paio di metri di filo per stendere il bucato se non trovate una lavanderia, l’adattatore universale per prese elettriche, i tappi per le orecchie e la mascherina se avete il sonno leggero, una federa per il cuscino, una torcia elettrica, un coltellino multiuso, forchetta e cucchiaio, un piccolo contenitore con una modesta quantità di detersivo per i piatti, ago e filo per riparazioni d’emergenza. In una piccola borsetta a tracolla, o in un marsupio, mettete documenti, denaro, carta e penna, sempre utili in ogni circostanza. Per la notte, se andrete in un luogo caldo, non portate il sacco a pelo classico, ma optate per un sacco lenzuolo, decisamente più leggero (ed economico). Infine prendete qualche sacchetto di plastica, anche quelli da freezer vanno bene: possono essere utili per panni sporchi, raccolta di conchiglie o sabbia, o ancora per proteggere soldi e documenti, in caso di una feroce tempesta tropicale (che noi vi auguriamo di non incontrare!).

    LE MEDICINE DA NON DIMENTICARE

    Medicine da mettere in valigia

    Infine il super domandone: quali farmaci portare con sé? E’ chiaro che la risposta dipende fondamentalmente dal vostro stato di salute, dal luogo in cui vi recherete e dal tempo di permanenza. E’ quindi importante che rivolgiate questo quesito al vostro medico. Noi, invece, vogliamo darvi qualche semplice dritta, valida in linea del tutto generale: non dimenticate di mettere in valigia un disinfettante liquido per le mani, i cerotti per le vesciche, una pomata all’ossido di zinco per lenire le irritazioni della pelle, un termometro, dei fermenti lattici e magari qualcosa per la febbre e il vomito. Prima di partire, effettuate le vaccinazioni obbligatorie e se potete, stipulate un’assicurazione sanitaria. Un ultimo consiglio utile: fate un elenco dei principi attivi dei farmaci che potrebbero servirvi, ma che avete deciso di non portare con voi. In caso di necessità, sarà più facile farsi capire, i nomi commerciali delle medicine infatti, variano da nazione a nazione.