Uragano, dall’acqua del mare finisce in strada: cittadini spaventati a morte

Uragano in Florida: la furia di Ian che finisce per far nuotare in strada gli squali. Le immagini sembrano provenire da una clip fantascientifica.

Uragano Ian
Strade allagate – viaggi.nanopress.it

Avete presente il famoso film di fantascienza Sharknado? La trama era incentrata su terrificanti tornado e trombe d’acqua capaci di sollevare in aria squali e scaraventarli in città, creando il panico.

A quanto pare eventi del genere non sono solo frutto dell’immaginazione, ma possono effettivamente accadere. Ne è la dimostrazione l’evento verificatosi il 28 settembre scorso in Florida.

Uragano in Florida: uno squalo finisce per nuotare per la città

L’uragano Ian sta da giorni mettendo in ginocchio la Florida. Moltissime persone sono state evacuate e costrette ad abbandonare le proprie case. Dopo aver causato blackout e tolto la vita a due persone a Cuba, Ian si è spostato verso gli Stati Uniti. L’uragano ha toccato terra verso le 19:00 italiane del 28 settembre e ha distrutto tutto ciò che ha incontrato con i suoi venti di circa 240 km/h.

Uragano
Uragano Ian – viaggi.nanopress.it

La sua furia, da uragano di categoria 4, fa letteralmente paura: scatta l’allarme per probabili mareggiate nell’area altamente popolata che interessa Bonita Beach e Tampa Bay, sulla costa del Golfo del Messico. Secondo le autorità, le onde potrebbero raggiungere anche i 5 metri di altezza.

La prima vittima dell’uragano Ian è stata confermata nella contea di Volusia: si tratterebbe di un 72enne. Il bilancio delle persone soccorse è di circa 500, mentre si ricercano ancora i passeggeri di una nave di migranti ribaltatasi nei pressi delle Keys.

A Fort Myres gli squali nuotano in strada

Tra le città della Florida più colpite dall’uragano Ian troviamo Fort Myers, a pochi chilometri di distanza da Miami, dove sono morte ben 17 persone. È proprio in questa cittadina che un abitante della zona sembrerebbe aver ripreso e postato sui social uno squalo nuotare in strada.

I danni dell' Uragano
I danni dell’ Uragano – viaggi.nanopress.it

L’autore del video è Dominic Cameratta il quale ha affermato, in un’intervista rilasciata a Associated Press, di aver notato un grosso pesce provvisto di pinne dorsali dimenarsi in un cortile allagato vicino casa sua.

Il video, che ha raggiunto circa 12 milioni di visualizzazioni in una sola giornata, ha destato inizialmente qualche sospetto circa la sua veridicità. Già in passato erano infatti diventate virali immagini che sembravano immortalare squali nuotare in autostrade sommerse (come nel caso dell’uragano Hervey che ha colpito il Texas nel 2017).

Questi filmati, ovviamente, erano risultati falsi. Stavolta, però, sembrerebbe essere tutto vero. Molti esperti, tra cui l’ex direttore del programma sugli squali del Florida Museum of Natural History George Burgess, hanno affermato che sembrerebbe proprio trattarsi di uno squalo giovane.

Ma come ha fatto uno squalo a finire in cortile?

Tra le ipotesi, vi è quella secondo cui lo squalo potrebbe essersi trovato per caso in uno stagno di ritenzione che poi è traboccato. Il biologo marino Yannis Papastamatiou ha anche spiegato che spesso gli squali fuggono dalle baie poco profonde prima degli uragani che prevedono probabilmente grazie al cambio della pressione barometrica. Lo squalo quindi si potrebbe esser ritrovato per caso in un torrente o potrebbe essere stato trascinato dentro.

Uragano Ian, gli ultimi aggiornamenti

Dalle ultime notizie sappiamo che le vittime di Ian sarebbero 17 e che ben 2,6 milioni di persone sono rimaste senza corrente elettrica. L’uragano adesso sembrerebbe dirigersi verso il South Carolina, la Virginia e la Georgia. I governatori di questi Paesi hanno già lanciato lo stato di emergenza. Secondo le previsioni, la tempesta dovrebbe già da oggi pomeriggio colpire il South Carolina. Il presidente Biden ha dichiarato che Ian

“Potrebbe essere l’uragano più letale nella storia della Florida”

e ha assicurato di stanziare fondi per aiutare le aree colpite. Tra gli aiuti promessi ci sono sovvenzioni per alloggi temporanei e ristrutturazioni, prestiti a basso costo e aiuti rivolti agli imprenditori.