Tour dell’Alaska fai da te: natura incontaminata tra ghiacciai, fiordi e foreste

da , il

    Un tour dell’Alaska fai da te è un ottimo modo per scoprire le bellezze naturali di questa strabiliante terra in piena autonomia e anche risparmiando, nonostante il paese sia famoso per essere molto caro: un buon modo per spendere meno è quello di visitare l’Alaska a maggio o a settembre, quando il clima è comunque mite e ci sono vantaggiosi sconti di bassa stagione sia negli hotel che per i trasporti; infatti qui l’alta stagione turistica va da giugno ad agosto, e cioè nei mesi estivi, quando si registrano le temperature più favorevoli e la luce del sole splende 24 ore su 24. Se vi recate in Alaska durante questo periodo vi imbatterete in un considerevole numero di turisti, almeno nelle zone più famose come il Denali National Park ma il lato positivo, oltre al clima, è che potrete partecipare a numerose feste tra le quali il Solstizio d’Estate, celebrato il 21 giugno in molte città, il Giorno dell’Indipendenza o le manifestazioni sportive che si tengono a Sitka e Fairbanks, dove si celebra anche la scoperta dell’oro durante i Golden Days.

    La scelta migliore è quella di girare l’Alaska in macchina: solitamente è più comodo atterrare in Canada, nel territorio dello Yukon, e da qui attraversare in macchina il confine con l’Alaska fino ad arrivare alla cittadina di Skagway, che vi farà rivivere gli anni dei cercatori d’oro investe di museo all’aperto; essa infatti è stata dichiarata Parco Nazionale della Febbre dell’Oro del Klondike, e qui si possono ammirare ancora le casette in legno, i saloon, il treno a vapore e donne in costume d’epoca che ricordano gli anni tra il 1898 e il 1899. Da Skagway ci si imbarca sul traghetto per Juneau, la capitale dell’Alaska, che è famosa per essere circondata da un complesso di montagne sovrastate da imponenti ghiacciai perenni tra i quali il più famoso e spettacolare è senz’altro il Mendenhall Glacier; Juneau è anche una base ideale per esplorare le meraviglie naturali del sud-est dell’Alaska, dove troviamo lo spettacolare Glacier Bay National Park. La Glacier Bay è un fiordo lungo ben 108 chilometri nel quale si gettano sedici fiumi che sgorgano dai ghiacciai delle vicine montagne, riempiendo il mare di iceberg di ogni dimensione forma e sfumatura dell’azzurro, che rendono questo luogo uno tra i più spettacolari di tutti gli Stati Uniti. Qui si possono fare escursioni, estreme ed emozionanti esperienze in kajak, si può visitare il piccolo insediamento di Gustavus ed è possibile anche ammirare una natura incontaminata fatta di foreste di abeti, muschi e licheni; sia la terraferma che il mare sono inoltre abitati da una ricchissima fauna tra cui troviamo oltre 200 specie di uccelli, alci, orsi bruni, lupi, linci, balene, foche, lontre marine e delfini.

    Oltre alla natura selvaggia, è interessante scoprire anche le città principali dell’Alaska, dove entrare in contatto con la cultura e lo stile di vita della popolazione locale, che vive in condizioni climatiche che sono tra le più estreme della terra; tra queste città c’è anche la già citata Fairbanks, prossima tappa del nostro tour, dalla quale si può raggiungere il Denali National Park, un’altra tra le meraviglie naturali più conosciute del paese. Qui si trova il Monte McKinley che con un’altitudine superiore ai 6.000 metri è la montagna più alta degli Stati Uniti e l’attrattiva principale del parco; qui si può campeggiare, fare escursioni e spostarsi da una parte all’altra con i pullman o con i mezzi caratteristici dell’Alaska Railroad per ammirare a distanza la fauna del parco che comprende anche renne, grizzly, marmotte e volpi. La tappa successiva è la Penisola di Kenai, situata a sud di Anchorage, principale centro economico, culturale e di intrattenimento del paese che vale senz’altro una visita; la Penisola di Kenai rientra tra le destinazioni turistiche più popolari dell’Alaska con i suoi paesaggi incontaminati dove ammirare montagne, fiordi e ghiacciai da visitare con escursioni a piedi o in canoa, e dove nella bella stagione si può anche campeggiare. Qui inoltre si possono visitare il Kenaj Fjords National Park dove visitare numerosi ghiacciai tra cui l’Harding Icefield, e dove osservare una ricca fauna marina, e alcuni pittoreschi centri abitati tra cui Homer, cittadina in cui vivono numerosi artisti, Steward, Soldotna e Halibut Cove, splendida cittadina raggiungibile solo via mare, situata in una baia circondata dalla foresta.