Referendum 2011: spiaggia gratis in Versilia per chi vota

da , il

    Referendum 2011: spiaggia gratis in Versilia per chi vota

    In occasione dei referendum 2011, spiaggia gratis in Versilia per chi dimostra di aver votato: è l’originale iniziativa messa in campo da alcuni stabilimenti balneari della Toscana per promuovere l’affluenza alle urne nelle giornate di domani, 12 giugno, e lunedì 13 giugno. L’appuntamento elettorale, che arriva dopo le elezioni amministrative e, in alcuni casi, i ballottaggi, vede schierati in campo i sostenitori dei 4 sì referendari e il partito di quelli che invece se ne andranno al mare a discapito del voto.

    Nel caso in cui apparteniate al primo gruppo e le spiagge non vi lasciano indifferenti, sappiate che ci sono 20 stabilimenti tra Marina di Massa e Marina di Pisa pronti a offrirvi un posto gratis se lunedì 13 giugno vi presenterete con la tessera elettorale timbrata. Non importa se poi, nel segreto della cabina elettorale, avete votato sì oppure no: l’importante è che siate entrati nel seggio e che gli scrutatori abbiano messo il timbro sulla vostra tessera.

    Un’iniziativa nata all’insegna del senso civico, per spronare le persone a fare il proprio dovere di cittadini ma anche ad esercitare il proprio diritto di voto: è questo il motivo che sta alla base dell’iniziativa degli stabilimenti balneari della Versilia, che si dichiarano al di fuori di ogni questione politica. I bagni partecipano all’iniziativa a favore del raggiungimento del quorum in due modi:

    • In alcuni sarà possibile, lunedì 13 giugno, ottenere ombrellone e sdraio gratis dopo aver mostrato la tessera elettorale timbrata;
    • in altri, ci saranno sconti del 50 per cento a chi si presenterà con la tessera timbrata.

    Per sapere quali sono gli stabilimenti balneari che aderiscono all’iniziativa, basta andare sulla pagina Facebook ‘Prima a votare…poi gratis al mare’. Nel caso in cui abbiate il domicilio lontano dalla residenza, ricordiamo che è possibile richiedere il rimborso del treno per i referendum 2011.