Qual è il vicolo più stretto d’Italia? Si trova proprio in questa regione

Quella che segue è una curiosità della quale certamente saranno informati molti appassionati viaggiatori ed ha a che fare con un vicolo, ovvero il vicolo più stretto presente in Italia. 

il vicolo piu stretto italia
Il vicolo più stretto d’Italia – viaggi.nanopress.it

Nel nostro Stato c’è un vicolo strettissimo, situato in un luogo singolare, caratteristico, tutto da visitare e da scoprire.

La regione di riferimento è bellissima, ha tanto da dare, si tratta di una bellezza 100% Molisana, della quale si parla nel libro “Forse non tutti sanno che in Italia…” di Isa Grassano.

Dov’è e qual è il vicolo più stretto italiano, le informazioni e la storia

Il vicolo più stretto d’Italia si trova in Molise, nel cuore del borgo di Termoli, si chiama Reyecelle, è stretto 34 cm, mentre la stradina è lunga 7,88 m. Nel tempo ha subito delle trasformazioni ma la sua unicità è rimasta praticamente intatta.

Vicolo più stretto d’Italia – viaggi.nanopress.it

Le origini del nome vengono rintracciate nel lontano 1799, in francese RUE vuol dire strada, il nome è stato trasformato dai termolesi in Rejecelle per questo motivo tutti lo conoscono in questo modo.

Per quanto possa essere piccolo, il vicolo stretto ha un pregio culturale e artistico valoroso, soprattutto se ci si sofferma sull’architettura e sulla storia che ha alle spalle, che attira l’attenzione di turisti provenienti da tutto il mondo praticamente da sempre.

Il vicolo più stretto d’Italia si trova tra i fabbricati, venne costruito per agevolare gli spostamenti degli abitanti della città nelle situazioni di emergenza per esempio nel corso di invasioni, di guerre, di carestie. Qualcuno riusciva a scappare passando di lì, mentre qualcun altro vi si nascondeva dentro.

Ecco come anticamente si stabiliva chi dovesse passare per primo

Oggi tutti si chiedono come attraversarlo perché essendo così piccolo è veramente difficile. Ovviamente ci si può immaginare che attraversare il vicolo non è tra le cose più agevoli e che non tutti possono farlo.

Intanto la prima regola è aspettare il proprio turno, perché non si può assolutamente passare in due. Se si soffre di claustrofobia, probabilmente il suo attraversamento non è consiglia.

rejecell termoli
Rejecelle – viaggi.nanopress.it

Un tempo, quando dei gentiluomini dovevano attraversare questa viuzza, ricorrevano al Galateo tramite il quale decidevano chi doveva passare per primo. Per cui il meno nobile faceva passare il più altolocato e così si risolveva la faccenda senza troppi problemi e dubbi.

Invece se i personaggi erano dello stesso livello, arrivavano addirittura a duellare per stabilire chi dovesse passare per primo, certamente questa non era tra le soluzioni più convenienti.