Omosessualità in India: è reato

da , il

    Omosessualità in India: è reato

    L’omosessualità non è menzionata in modo esplicito nei testi fondatori dell’induismo. Alcune interpretazioni hanno portato la legge ad istituire una condanna per questa pratica. Pertanto, il Manus Smriti, che raggruppa i codici di condotta da far seguire dagli induisti , non vieta l’omosessualità, ma propone delle regole per sorvegliarla.

    Così, un rapporto sessuale tra due donne , di cui una vergine, era mal visto e il Manus Smriti suggeriva sanzioni molto dure.La donna che ha oltraggiato la vergine, per esempio, dovrà essere cacciata dalla città dopo che le si è tagliata due dita e rapata la testa. Questa sanzione appena è legata all’idea di purezza legata alla verginità (la donna deve essere vergine per sposarsi). L’uomo che disonora una vergine è sanzionato , ma con una sanzione più blanda rispetto alla donna, infatti, deve subire un’ablazione di due dita e pagare un’ammenda.

    Bisogna sapere che l’omosessualità maschile era punita in maniera più leggera: un uomo che abusava di un altro doveva immergersi in acqua vestito senza subire ulteriori umiliazioni .

    Il rapporto tra induismo e omosessualità è ancora più complesso. Certe statue descrivono la sessualità tra donne come la rivelazione di un mondo femminile basato sul piacere e la fertilità.

    D’altro canto, il celebre Kamasutra, simbolo per noi occidentali dell’India, evoca l’omosessualità maschile e femminile, come pure il travestimento , suggerendoci un’immagine di un’India molto aperta alla sessualità e di un paese in cui si sviluppa l’erotismo. Nella comunità indiana oggi le relazioni omosessuali sono considerate sempre illegali a causa di un vecchio articolo che risale al periodo coloniale britannico (articolo 377 del codice penale). Questo articolo punisce gli atti sessuali innaturali. La natura abbastanza vaga di questo articolo ha spinto le autorità ad utilizzarlo in modo illegittimo , proibendo la sodomia, la fellatio ed il cunnilingio.

    Nessun partito politico in India sostiene le rivendicazioni della comunità omosessuale, solo un membro del partito comunista indiano , Brinda Karat, ha scritto una lettera aperta al ministro della Giustizia nel 2003 , perché l’articolo 377 sia rettificato.

    Nonostante le petizioni che hanno come obiettivo l’abolizione dell’articolo 377, la Corte Suprema di Dehli rifiuta di riesaminare l’articolo. Questo articolo è sempre utilizzato per minacciare i gay, le lesbiche , i bisessuali , i transessuali oppure per ricattarli.