Nissan Qashqai: con Art Zone crea la tua opera e pubblicala live [VIDEO]

da , il

    In occasione del lancio della nuova Nissan Qashqai, parte la campagna Art Zone: create la vostra opera d’arte su Facebook attraverso l’applicazione, utilizzando le immagini dell’artista francese McBess, pubblicate il lavoro sul vostro profilo Facebook et voilà, il gioco è fatto.

    Il vostro lavoro verrà proiettato su un led wall – ovvero un maxi schermo – in via De Amicis a Milano angolo Porta Ticinese, il centro della movida meneghina che se non rientra tra le vie più belle di Milano, di sicuro è una delle più frequentate e amate dal popolo della notte (ma anche di quello del giorno).

    Tra un giro di shopping per via Torino, un aperitivo alle Colonne di San Lorenzo e un gelato serale, potrete fare colpo su amici e conoscenti (ma anche su fidanzata o presunta tale), spacciandovi per artisti: l’opera d’arte da voi creata, infatti, comparirà con il vostro nome.

    Ma non finisce qui: per sottolineare le vostre doti artistiche, di cui potrete bearvi con amici e conoscenti, sulla vostra pagina Facebook comparirà come per magia un video che ne dimostra l’affissione.

    Tutti i video realizzati con l’app specifica (e qui scatta la gara con gli amici a chi crea il migliore) verranno messi in coda e proiettati sul maxi schermo dell’affissione. Quindi, una volta che avrete completato l’opera, si tratta solo di aspettare che compaia il video sul vostro profilo Facebook: da lì a divulgare le vostre doti artistiche è un attimo.

    Ormai le pubblicità virali, che puntano ad essere veri e propri eventi in particolari città, abbondano: è un modo nuovo di coinvolgere i consumatori e le comunità locali, visto che tirano in ballo anche luoghi specifici.

    E Milano di arte contemporanea se ne intende: dal dito di Cattelan in piazza Affari, che ha suscitato polemiche a non finire, fino alla recente mostra di Marina Abravomic al Pac, aperta al pubblico fino al 10 giugno.

    Per andare all’applicazione Art Zone e iniziare a creare la vostra opera d’arte, cliccate qui.