Nicosia, a Cipro: cosa vedere nella capitale divisa tra Grecia e Turchia

da , il

    Nicosia è la capitale di Cipro: ecco cosa vedere in questa straordinaria città, relativamente poco conosciuta, che riserva non poche piacevoli sorprese ai suoi visitatori; Nicosia, il cui “vero” nome greco è Lefkosia, è un’antica città dalla storia millenaria, capitale dell’isola dall’XI secolo, che racchiude in sé un’essenza sia europea che orientale. A testimonianza delle profonde diversità culturali che la abitano, essa è ormai l’unica città al mondo ad essere divisa in due parti dalla sua “Linea verde”, che separa la zona turco-cipriota a nord da quella greco-cipriota a sud. Cipro, con la sua atmosfera rilassata e i ritmi di vita lenti, riesce ad unire le differenze, e in essa si possono vedere sia moschee e palme, che le conferiscono un’aria arabeggiante, sia chiese ortodosse e antiche mura europee. Stiamo parlando della imponente cinta muraria costruita in pietra arenaria dai veneziani nel XVI secolo, che costituisce senza dubbio il monumento di maggior interesse della capitale.

    Queste mura conservano ancora tre porte che costituivano gli originari ingressi alla città: la Porta di Kyrenia, a nord, la Porta di Pafos, ad ovest, e la Porta Giuliana, ad est; quest’ultima è anche nota come Porta di Famagosta, e grazie al suo restauro è diventata un importante centro culturale di Nicosia. Le mura, circondate anche da un fossato, racchiudono il centro storico della capitale, il quartiere di Laiki Geitonia, che è anche la sua parte più bella ed interessante da visitare grazie ai suoi stretti vicoli sui quali si affacciano i balconi in ferro battuto delle case restaurate, ai suoi negozietti di artigianato, alle tipiche taverne e all’isola pedonale in cui passeggiare ammirando le vetrine delle botteghe o sedersi nei tavolini all’aperto dei tanti caffè. Tra gli edifici degni di nota qui troviamo la Moschea Omeriye, un’antica chiesa convertita poi in moschea, e la Chiesa cattolica di Santa Croce, situata molto vicino alla parte turca di Nicosia. È molto interessante anche visitare i bastioni a forma di cuore del fossato, che nella parte meridionale della città sono meglio conservati; in particolare, vicino al bastione Roccas si possono osservare le due nazionalità che abitano a Nicosia sopra citate (greco-ciprioti e turco-ciprioti) che vivono molto vicine, e qui c’è anche il Ledra Palace Hotel, l’unico punto dell’isola in cui si può attraversare la frontiera verso nord. Nonostante l’isola sia stata al centro di conflitti che hanno portato alla sua divisione nel 1970, se volete visitarla non vi dovete preoccupare perché Cipro è uno dei dieci paesi più sicuri al mondo insieme a Islanda, Danimarca ed altri in cui il tasso di criminalità è quasi inesistente.

    Per gli appassionati di cultura e musei, Nicosia ha molto da offrire: alcuni esempi sono il Museo Turco, il Museo Archeologico di Cipro, che ospita i reperti archeologici più notevoli di tutta l’isola, la Biblioteca del sultano Mahmut, all’interno della quale sono custoditi anche libri risalenti a 700 anni fa, il Museo Etnografico di Cipro, il Leventis Museum, il museo municipale nel quale ripercorrere la storia di Nicosia e dell’isola, e il Museo dei Gioiellieri, dove ammirare gioielli, ornamenti e utensili in argento molto preziosi. Tra gli edifici di culto da no perdere invece, oltre ai due già citati visitate anche la Moschea di Selimiye, la cui architettura è un’ interessante unione tra una moschea e una chiesa gotica, e la splendida Cattedrale di San Giovanni. Per godervi tranquillamente tutta la bellezza della città potete partecipare alle visite guidate a piedi organizzate dall’ufficio turistico di Nicosia, che sono a tema e gratuite, e per rilassarvi e sentirvi come gli abitanti locali vi consigliamo un bel bagno turco nel Bűyűk Hammam, che vanta una fama a livello internazionale.