Impressionante scoperta negli oceani: rispunta dopo 80 milioni di anni una nuova specie

Una recente scoperta negli oceani da parte dei ricercatori ha riportato alla luce resti di una nuova specie di mosasauro, un dinosauro marino gigantesco vissuto circa 80 milioni di anni fa.

fondale oceani
fondale oceani viaggi.nanopress.it

Ricordate il Thalassotitan atrox, il grande predatore degli oceani ritrovato ultimamente in Marocco? A quanto pare, non era l’unico esemplare finora sconosciuto di mosasauro. Se questo infatti era vissuto circa 66 milioni di anni fa, la nuova specie invece dominava i mari 80 milioni di anni fa.

Scoperta negli oceani: identificata una nuova incredibile specie di mosasauro

La nuova specie, scoperta mesi or sono in Kansas dai ricercatori dell’Università di Cincinnati negli Stati Uniti, è stata battezzata come Ectenosaurus everhartorum.

Si tratta di un mastodontico rettile dei mari che nuotava negli oceani circa 80 milioni di anni fa durante l’Era del Cretaceo e che rappresentava il terrore più grande per i pesci di cui si nutriva e per gli altri animali marini.

Il suo aspetto era davvero terrificante: questo coetaneo del temibile Tirannosauro Rex, aveva proporzioni gigantesche, era lungo circa sei metri e possedeva un muso corto e smussato.

L’Ectenosaurus everhartorum fa parte della famiglia dei mosasauri già nota, ma appartiene a una nuova specie, differente dalla conosciuta Ectenosaurus clidastoides. A differenziarlo dagli altri esemplari noti è proprio la sua conformazione del muso: le altre creature ne possedevano uno sottile e allungato.

Il primo ritrovamento di fossili risale alla fine degli anni Settanta, quando i ricercatori hanno riportato alla luce alcune ossa del cranio di questo terrificante mostro marino, accorgendosi delle notevoli differenze rispetto ai ritrovamenti degli esemplari scoperti fino ad allora.

I mosasauri, antichi animali preistorici

Il ritrovamento dei primi fossili di mosasauro risale all’inizio del XVIII secolo, nei Paesi Bassi. In seguito, i paleontologi Othniel Charles Marsh ed Edward Drinker Cope hanno scoperto anche tanti altri resti in alcune aree degli Stati Uniti. Tra queste il Kansas che è oggi uno dei posti più noti in fatto di ritrovamenti e ricerche sugli scheletri di mosasauro.

Ad oggi sono ben 1500 gli esemplari di mosasauro ritrovati grazie alle ricerche, appartenenti a due diverse specie.

I ricercatori hanno dedicato la nuova scoperta al paleontologo canadese Dale Russell, una figura importantissima e di spicco nel mondo della paleontologia del Nord America.

Il nome attribuito all’esemplare, però, è da ricollegare a Pamela e Mike Everhart. Questa coppia del Kansas per più di 30 anni ha esplorato l’area della Smoky Hill Chalk condividendo i fossili di mosasauro, abbondanti in questa zona, con molti musei.