I castelli della Loira, un incanto nel cuore della Francia

da , il

    I castelli della Loira, un incanto nel cuore della Francia

    I castelli della Loira, situati nell’omonima valle, sono più di 300. Costruiti in epoche diverse, a partire dal X secolo, quando i sovrani francesi cominciarono a guardare alla Loira come il posto ideale per le loro residenze estive. E non a caso, dato che la regione, situata nel cuore della Francia, gode di un paesaggio incantevole, un clima mite rispetto alla non lontana Parigi e fertili piantagioni.

    I castelli della Loira rappresentano non solo uno degli itinerari in Francia tra i più battuti ma sono anche tra i luoghi più visitati al mondo: attraggono ogni anno centinaia di migliaia di visitatori. Nel 2000 l’Unesco ha dichiarato l’intera Valle Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

    La Rivoluzione francese prima e le guerre mondiali poi provocarono la distruzione di un gran numero di castelli, ma nonostante ciò oggi ne restano in piedi ancora più di trecento.

    Dei castelli sopravvissuti, alcuni sono dimore private, altri sono utilizzati come hotel o bed and breakfast, mentre molti sono stati comprati dai Comuni locali o sono gestiti direttamente dal governo francese.

    Da non perdere? Sicuramente il Castello Azay-le-Rideau, uno dei più celebri della Loira. Definito da Balzac come un diamante sfaccettato incastonato sull’Indre.

    Il Castello di Blois, che prende il nome dalla città di Blois, capoluogo del dipartimento francese di Loir-et-Cher, si trova lungo il fianco di una collina sulla riva destra della Loira.

    Il Castello di Villandry è degno di visita per la bellezza dei giardini e dei labirinti verdi che lo circondano, che fungono anche da orto.

    Da non mancare anche i castelli di Chenonceau, di Valençay, antica proprietà del principe di Talleyrand, di origine cinquecentesca e di Chambord, in assoluto il più vasto tra tutti i castelli della Loira.

    L’ideale per chi parte dall’Italia è arrivare in aereo a Parigi, affittare una macchina e partire alla scoperta di questa meravigliosa terra e dei suoi tesori. Il periodo migliore è sicuramente la primavera. E allora perchè non approfittare delle prossime vacanze di Pasqua?