Gay Pride a Bologna: il 9 giugno solidarietà per i terremotati dell’Emilia

da , il

    Gay Pride a Bologna: il 9 giugno solidarietà per i terremotati dell’Emilia

    Sabato 9 giugno è la data del Gay Pride nazionale, e Bologna ha deciso di festeggiarlo in un clima di solidarietà per i terremotati dell’Emilia. La parata si svolgerà in maniera sobria e tranquilla: niente casse per la musica, e si rinuncia anche ai tradizionali carri colorati. L’organizzazione devolverà i soldi risparmiati in favore delle zone colpite dal sisma. E tanti altri eventi saranno a favore delle vittime del disastro.

    Il Comitato Organizzatore del Gay Pride ha spiegato bene la scelta di non rinunciare al corteo: “il Gay Pride è una denuncia di un vuoto di diritti di gay, lesbiche e trans nel nostro paese: e questo vuoto non conosce tregua. Ma la denuncia non ha niente di offensivo o incompatibile con la tragedia dell’Emilia. L’atmosfera festosa però non combacia con l’animo di un paese in lutto: da qui la decisione di cambiare i connotati alla manifestazione privilegiando il senso dello stare insieme e proponendo un modello concreto di cittadinanza attiva”.

    Via a carri addobbati e impianti amplificati, quindi, e spazio alle iniziative. L’ArciGay organizzerà una raccolta fondi per le vittime del terremoto del 20 maggio. Ci saranno mercatini di prodotti agroalimentari provenienti dalle aziende delle zone più colpite. Si terrà un’asta online di 10 biglietti “Vip” per il concerto del 16 giugno di Madonna a Firenze. Più i soldi risparmiati: tutto verrà devoluto in beneficenza.

    Il corteo partirà alle 14.30 dalla sede storica dell’ArciGay di Porta Saragozza per poi proseguire su via Frassinago, Sant’Isaia, Marconi, dei Mille e Indipendenza. Il percorso terminerà alle 18 in piazza Maggiore, dove sul palco ci saranno interventi e musica dal vivo. Si esibiranno le bande folkloristiche della tradizione emiliana, guidate dalla Banda Roncati e dai giochi dei buskers della Par Tot. L’atmosfera festosa che mancherà al corteo però la si potrà ritrovare al party del’Arena Parco Nord: dj set per ballare tutta la notte, costo 15 euro. Ma anche qui, parte del ricavato andrà alle popolazioni dell’Emilia. L’altra parte servirà per finanziare il party stesso.

    Per avere tutte le informazioni sulla giornata di eventi potete consultare il sito ufficiale del Gay Pride di Bologna. E per essere sempre al corrente in tempo reale è stata sviluppata la app del Bologna Pride scaricabile gratuitamente per iPhone e iPad. Oltre a tenervi aggiornati sugli eventi del festival localizza i luoghi LGBT friendly più vicini tra punti di ritrovo, locali, bar, negozi e hotel.

    Foto da Flickr