Famoso aeroporto internazionale a rischio chiusura, in Italia tanti partono proprio da qui

In arrivo una possibile rivoluzione per l’aeroporto internazionale di Ciampino: il piano straordinario per gli aeroporti Enac è nelle mani del ministero dei Trasporti

Aeroporto a rischio chiusura
Aeroporto a rischio chiusura – viaggi.nanopress.it

È a rischio rivoluzione l’aeroporto internazionale di Ciampino, al centro del piano straordinario che coinvolge tutti gli aeroporti Enac.

Aeroporto Internazionale di Ciampino, sarà rivoluzione?

Potrebbe incappare in una pesante rivoluzione l’aeroporto internazionale di Ciampino che addirittura sarebbe a rischio chiusura. Al centro del piano straordinario previsto per gli aeroporti Enac, infatti, si trova proprio lo scalo romano ed il ministero dei Trasporti sta valutando attentamente tutte le soluzioni. Tale piano prevede, in sostanza, un riassetto di tutti gli aeroporti italiani appartenenti ad Enac e nei prossimi giorni si potrà già intuire le volontà del ministro dei Trasporti Enrico Giovannini, che dovrà far attente analisi salvo poi dare il via libera all’iter di approvazione.

Le misure riguardano diversi scali aeroportuali italiani con interventi sia nel breve che nel lungo periodo. In alcuni casi si andrebbe ad implementare i servizi già in essere, in altri a rilanciare lo scalo stesso, mentre per altri ancora, potrebbe arrivare la chiusura definitiva. Nello specifico Ciampino corre questo rischio: Enac, infatti, punta a ridimensionarlo portandolo fino alla chiusura. Lo scenario sarebbe poi quello di dare vita ad un nuovo aeroporto civile un po’ fuori Roma e più precisamente a Frosinone.

Aeroporto internazionale
Aeroporto internazionale viaggi.nanopress.it

Obiettivo: rilanciare l’aeroporto di Urbe

Non solo Ciampino sarebbe coinvolto in questa nuovo progetto. Un altro intervento possibile e previsto dal piano è quello di realizzare la fermata della Tav ma anche di rendere il capoluogo nel sud del Lazio un punto di snodo cruciale. Qui, infatti, verrebbero potenziati i collegamenti per favorire gli spostamenti, dando così opzioni più valide a tutti i passeggeri. Ma non solo Frosinone è nei pensieri di Enac perchè c’è un altro aeroporto chiave che potrebbe subire un’ondata di rinnovamento. Si tratta dell’aeroporto di Urbe di via Salaria e da qui potrebbero partire numerosi mezzi come velivoli o taxi volanti tutti in direzione Viterbo.

Cosa potrebbe succedere all’aeroporto internazionale di Ciampino

Come detto il piano di Enac è pronto per coinvolgere tutti gli aeroporti dislocati sul territorio italiano e portare cambiamenti e rinnovamenti. Se da un lato, infatti, l’obiettivo è quello di potenziare le strutture già presenti sul territorio senza andare ad instaurare nuovi grandi scali, dall’altro, però, sono da tenere in conto cambiamenti drastici, proprio come quelli che potrebbero coinvolgere l’aeroporto di Ciampino. È importante sottolineare le tante criticità che questo scalo concentra su di sé da tempo, come il problema smog e rumori e la conseguente impossibilità di porre rimedio. A questo proposito è intervenuto il presidente dell’Enac, Pierluigi Di Palma che a Repubblica ha affermato: “Non ne chiediamo formalmente la chiusura. Segnaliamo le gravi criticità di quella realtà, che crea disagio ai residenti tra smog e rumori e non ha possibilità di espansione, come arrivi e decolli”.

Aeroporto Internazionale
Aeroporto Internazionale – viaggi.nanopress.it

Quindi? Cosa succederà all’aeroporto di Ciampino? Il da farsi è da valutare attentamente, le possibilità però che possa arrivare ad una chiusura o quanto meno ad essere classificato come un aeroporto secondario, sono concrete. La parola al momento passa al ministro dei Trasporti Giovannini che deciderà o meno se dare il via libera al piano Enac.