Costa Concordia affondata: trovati altri due corpi, ancora 15 dispersi

da , il

    Gli aggiornamenti sulla Costa Concordia, affondata due notti fa davanti all’Isola del Giglio, parlano di altri due corpi recuperati dai sommozzatori: sale così a 5 il bilancio delle vittime accertate finora, che potrebbe aumentare ulteriormente visto che 15 persone risultano tuttora disperse.

    Una tragedia difficile da digerire e sulle cui cause rimangono forti perplessità: il comandante della nave è in stato di arresto e sul naufragio di Costa Concordia sono state aperte 4 inchieste separate: tra queste una è interna al gruppo Costa e un’altra a livello ministeriale.

    Costa Crociere ha attivato un numero di telefono apposito – 848 50 50 50 – per dare supporto e fornire informazioni riguardanti l’incidente della Costa Concordia.

    Intanto sono scoppiate le polemiche relative al caso: dal comportamento del comandante alla rotta seguita, troppo vicina all’isola del Giglio, fino alle operazioni di evacuazione della nave che, secondo i passeggeri portati in salvo, sono state gestite male e troppo lentamente.

    Come si può vedere nel filmato girato da Repubblica Tv, la nave è decisamente a due passi dal picolo porto e ora giace semi sdraiata su un fianco: una posizione che impressiona per le grosse dimensioni di questo gigante dei mari, 290 metri di lunghezza.