Chernobyl: vent’anni dopo l’esplosione

da , il

    Il 26 Aprile 1986 aveva luogo la tragedia di Chernobyl. Venti anni dopo, in un momento dove si torna a parlare e a discutere con ostinazione sull’opzione di costruire nuove centrali nucleari anche in Italia, è necessario fermarsi a riflettere su cosa davvero sia stato Chernobyl e sull’eventualità che possa succedere di nuovo.

    Prypiat, città ucraina situata vicino al confine nord bielorusso, a circa 110 km a nord della capitale Kiev è una città fantasma, in quanto sorge adiacente alla famosa centrale nucleare di Černobyl, conosciuta per il più disastroso incidente nucleare della storia umana mai avvenuto.

    La sua popolazione era di circa 50.000 persone prima del disastro accaduto il 26 aprile 1986 … Oggi, ci abitano sono solo cervi e lupi, insieme a una guardia solitaria.

    Secondo le valutazioni di alcuni esperti , i danni causati dal reattore di Chernobyl sono pari a circa 235 miliardi di dollari che corrisponde a 32 bilanci annuali della Bielorussia del 1986 – l’anno del disastro.

    Dalle memorie di una donna anziana del luogo:

    ‘Era una bella giornata di sole. Mia figlia ed io eravamo seduti nel nostro cortile. Un vento soffiava dolce aria primaverile. Improvvisamente un enorme camion militare si fermò proprio davanti a noi. Un uomo che indossa una maschera antigas e un costume di protezione saltò giù dal camion e cominciò a camminare intorno a noi preoccupato … ci guardava, fissato un piccolo cartello con un simbolo che non avevamo mai visto prima, rientrò nuovamente dentro il camion e se ne andò. Tutto è successo in completo silenzio. Nessuna parola è stata pronunciata. Eravamo soli a guardare il segno e il camion e non avevamo idea di cosa stesse succedendo … Il giorno che non fu più bello … ‘

    Lasciamo che la storia sia raccontata dalle immagini raccapriccianti scattate 20 anni dopo l’incidente per farci un’idea della devastazione che ha subito l’area dopo quell’incubo.